• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.734 visite

Il testosterone, elisir di lunga vita

Ecco perché è l’ormone chiave per la salute sessuale e per il benessere psicofisico dell’uomo

Assolto dall´accusa di favorire il cancro, il testosterone viene finalmente riabilitato e anzi, perfino celebrato in tutta la sua importanza. Parola degli urologi italiani Siu (Società italiana urologia), secondo cui l’ormone maschile per antonomasia rappresenta un prezioso alleato dell´uomo per costrastare gli acciacchi dell´età: insomma, una sorta di elisir di giovinezza.

Un ormone chiave per il benessere
Per gli urologi, il testosterone rappresenta dunque un ormone chiave non solo per la salute sessuale, ma anche e soprattutto per il benessere psicofisico dell´uomo. I ridotti livelli di quest´ormone si associano a un calo della libido, della massa muscolare e della densità ossea. Inoltre, l´ipogonadismo, condizione clinica associata al deficit di testosterone si associa frequentemente all´insorgenza di patologie cronico-degenerative quali malattie cardio e cerebro-vascolari, diabete, dislipidemie, obesità, sindrome metabolica, depressione e Alzheimer.

I falsi miti
A torto quest´ormone era ritenuto responsabile del cancro alla prostata. Un pregiudizio pesante, che ha condizionato molti urologi nel mezzo secolo appena trascorso. "Oggi la comunità scientifica ha un´opinione pressoché unanime su questo fronte”, spiega Vincenzo Mirone della Siu, “e ritiene categoricamente necessario trattare le complesse degenerazioni causate dal calo del testosterone nell´uomo che invecchia. Livelli ridotti di testosterone non proteggono dal tumore della prostata e anzi potrebbero aumentarne il rischio soprattutto se associati a un aumento degli estrogeni”.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}