• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – Il benessere? ora arriva dal robot che cura, cucina e… consola

Il robot che ci aiuta in casa, bada alle nostre cure, ci tiene compagnia è già una realtà: ma nel prossimo futuro previene e cura le malattie. Ecco i robot già disponibili, cosa fanno e quanto costano

“Io e Caterina” era un film degli anni 70 e raccontava di un Alberto Sordi appassionato padrone di una colf-robot che faceva le pulizie in casa, cucinava, rispondeva al telefono e consolava il suo padrone-datore di lavoro nei momenti di stanchezza e sconforto.
Era fanta-comicità all’italiana ma oggi è una realtà che si chiama Furio I-home, un robot giapponese alto 40 cm a forma di cono con un tablet al posto della testa che, al prezzo di 900 euro, può accendere e spegnere luci, musica, riscaldamento, tv, svegliare un anziano, prendergli il polso, ricordargli l’ora di una medicina e inviare un sms ai familiari se qualcosa non va.
Il  nostro benessere quotidiano è ormai affidato anche ai robot. Già oggi ce ne sono che tagliano l’erba del prato ed a lavoro concluso  si  autoripongono e si spengono.
In alcune scuole primarie degli Stati uniti, Nao, è un robot-insegnante di sostegno che canta, balla, parla lentamente: con lui i bambini autistici interagiscono più che  con gli adulti.
A Dallas invece il robot si chiama Gino, vive in un ospedale e con la sua luce ultravioletta è il vero killer di virus e batteri che infestano le corsie e le sale operatorie.
Ma le meraviglie del futuro vengono dall’istituto italiano di tecnologia, la supereccellenza della ricerca nazionale, che ha inventato ICub lo standard di riferimento dei robot umanoidi. Presto avremo un misto tra cameriera, cuoca, badante, fisioterapista, infermiera, mentre altri nano-robot (biochimici) viaggeranno nel nostro corpo per trasportare farmaci o diagnosticando e curando malattie, ed altri ancora saranno neuro protesi che riparano il cervello danneggiato da un ictus.

Tag:,
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}