• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

538 visite

Coppia, il nuovo pegno d’amore?.. la “password”!

Nell’era digitale la prova d’amore e di fiducia totale nel partner diventa tra i ragazzi, la passwod per accedere alla posta elettronica. Ma c’è un grosso rischio…

Nei destini della coppia c’è un nuovo pegno d’amore: dimenticatevi anelli di fidanzamento, dozzine di rose e chi più ne ha più ne metta. I ragazzi del XXI secolo, come pegno d´amore, usano la password della propria casella di posta elettronica. Proprio così: le chiavi di accesso all´account e-mail o Facebook rappresentano la possibilità di entrare in quanto di più personale possediamo, in quest´epoca digitale e di social network. Di qui, la tendenza a manifestare tutta la propria fiducia nel partner consegnandogli le credenziali per accedere al nostro mondo.

 

Leggi: I consigli per la prima volta.

 

 

I rischi



Il fenomeno è stato analizzato per la prima volta dal quotidiano statunitense “New York Times”, che ne sottolinea però anche tutti i rischi: gli adolescenti innamorati sembrano infatti ignari delle conseguenze di un gesto del genere: i giovani, in segno di affetto e fedeltà, si scambiano questo segreto, oppure creano password ad hoc per suggellare il reciproco amore, per esempio ILoveTom e I LoveClaire. Ma i pericoli ci sono, e tanti.

Rosalind Wiseman, studiosa del rapporto che gli adolescenti hanno con le tecnologie e autrice del libro “Queen Bees and Wannabes” (per genitori desiderosi di aiutare le figlie a sopravvivere all´adolescenza), afferma che condividere le proprie password e ricevere pressione dall´altro per farlo, è molto simile a fare sesso e a ricevere pressione dal partner per farlo.

 

 

Più le ragazze

 

La diffusione del fenomeno è testimoniata anche da una recentissima indagine telefonica del “Pew Internet and American Life Project”, secondo cui il 30% dei teenager ha scambiato una password con un amico o con un fidanzatino.

La ricerca, su 770 giovani di 12-17 anni, mostra che le ragazze danno le proprie password con una frequenza quasi doppia dei coetanei.

Un tempo, per suggellare gli acerbi amori adolescenziali – che spesso finiscono così come sono iniziati – si scambiavano più innocui ciondolini a forma di cuore o fedine; lo scambio di password, avvertono gli psicologi, può avere conseguenze disastrose per la persona.

Se la coppia si rompe, uno dei due può usare la password dell´altro per vendicarsi, usandone l´account per mandare lettere false e distruggere la reputazione dell´ex partner, prima che questo possa chiudere definitivamente creando una nuova chiave di accesso. Una variante del cyber-bullismo giovanile simile alla denigrazione sui socialnetwork.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}