• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.219 visite

Il menu ideale per lo studente delle medie

Un’alimentazione troppo ricca di colesterolo e grassi non facilita la concentrazione: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla dieta dello studente.

Un’alimentazione troppo ricca di colesterolo e grassi non facilita la concentrazione e di conseguenza l’efficienza cerebrale, ma al contrario, peggiora la capacità di apprendimento. Allo stesso modo agiscono in modo negativo tutti quegli alimenti che innalzano l’indice glicemico (cioè il tasso di zucchero nel sangue),come per esempio merendine, gelati e caramelle.

Impariamo allora cosa non far mancare nella dieta quotidiana di un ragazzo che deve affrontare gli esami di terza media.

Un buon bicchiere di latte consumato al mattino è necessario per il buon funzionamento di particolari strutture del sistema nervoso. Se bevuto la sera, favorirà un buon riposo grazie all’alto contenuto di triptofano, un aminoacido che stimola la produzione di serotonina dalla forte azione calmante.

A metà mattina o per spezzare la fame della merenda, proponete al vostro bambino uno yogurt: è un alimento leggero e digeribile. I fermenti che contiene (i probiotici) riequilibrano la flora e potenziano le difese.

 

Leggi anche: La merenda a scuola: 6 consigli infallibili

 

Per i cali improvvisi di energia, il miele (anche sotto forma di caramella) fa ripartire nello studio con più sprint: è nutriente, privo di grassi, calmante e facile da digerire.

A pranzo, un piatto di pasta non deve mai mancare nel regime alimentare di un giovane studente. Perché è meglio a pranzo e non a cena? Fino al primo pomeriggio, il metabolismo è più attivo e ha bisogno di energia immediata.
La sera, dopo una bistecca e un piatto di insalata o di verdura, sarebbe bene concludere il pasto di vostro figlio con una porzione di ananas, frutto ricco di vitamina C e fibre.

In più, c’è la bromelina, sostanza che facilita la digestione.
Tra gli altri tipi di frutta sono consigliabili i fichi, preziose fonti di ferro, ottimi come ricostituenti e rimineralizzanti. Attenzione, però, se si scelgono quelli secchi, perché l’apporto energetico aumenta notevolmente.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}