• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

4.783 visite

I massaggi? Tra estetico e terapeutico come scegliere quello che fa per te

Quanti modi per liberarsi dagli stress quotidiani in punta di… polpastrello. Noi ve ne indichiamo quattro veramente doc

Il massaggio, un’arte tutta da provare

Quando ci procuriamo una piccola ferita, una bruciatura o una lieve contusione, subito la nostra mano corre sulla zona colpita a esercitare una pressione per lenire il dolore. È lo stesso meccanismo alla base del massaggio: ecco spiegato perché questa pratica faccia parte della tradizione dell’uomo fin dall’antichità, specie in Oriente, e sia da sempre considerato un modo ideale per ricevere e dare benessere. Oggi, poi, è sempre più di gran moda, perché ci dà la possibilità in soli 30-60 minuti di liberarci dallo stress sul lavoro, nei rapporti di coppia, nel traffico. Ma come agisce sul nostro corpo?
Il primo effetto è psicologico: aumenta la percezione del proprio io come insieme corpo-mente. E poi? Aumenta la circolazione sanguigna periferica e quindi la vasodilatazione, c’è un alleggerimento al livello del cuore e calore ed energia sono sviluppati in tutte le parti del corpo. Inoltre l’organismo è stimolato a produrre endorfine, gli ormoni del benessere che ci riportano verso l’equilibrio corporeo e sono un antidoto ai processi degenerativi dell’organismo.
Per fare un massaggio occorre un ambiente confortevole e riscaldato, che aiuti a creare feeling tra operatore e cliente. Il massaggio è una relazione e chi lo fa deve avere tranquillità, in modo da trasmetterla. Che differenza c’è tra massaggi orientali e occidentali? In Oriente si tratta di un rito dai tempi lunghissimi: un massaggio ayurvedico impegna per 3-4 ore. Noi, invece, che viviamo in una realtà pratica e consumistica, abbiamo perfino inventato l’“office massage”, che consente di abbassare il livello di stress durante la pausa pranzo.

 

Qual è il massaggio più adatto a te? Scoprilo con IL TEST

 

 

Il linfodrenaggio, anticellulite e salvapelle

È un massaggio nato in Occidente, grazie al medico danese Emil Vodder. Tende a favorire e migliorare la circolazione della linfa, fondamentale per il funzionamento del sistema immunitario e per espellere le scorie dall’organismo. È il più richiesto dalle donne perché ha anche una funzione estetica. Intervenendo nelle zone dove c’è una stasi linfatica, o prevenendone la formazione, si sciolgono o si evitano gonfiori antiestetici.
Combatte la cellulite, perché migliora la microcircolazione nelle zone trattate e quindi scioglie i cuscinetti (ma, se già formata, non può certo cancellare la “buccia d’arancia”). Ha un effetto rigenerante perché la perfetta circolazione della linfa porta nutrizione anche nelle aree più disidratate, dando compattezza e tono alla pelle. Combatte acne, edemi e infiammazioni (non in fase acuta) e aiuta la cicatrizzazione delle ulcere varicose. Il massaggio terapeutico dura 90 minuti, quello estetico 60.

 

Bioenergetico, ritrovi autostima ed elasticità

È una tecnica messa a punto dal celebre psicoterapeuta Alexander Lowen, padre dell’analisi bioenergetica. Individua le parti del corpo bloccate o tese e i punti carenti di energia per ottenere il riequilibrio.
Secondo la bioenergetica, infatti, l’uomo ha la tendenza a creare attorno a sé una corazza muscolare caratteriale, diventando sempre meno sensibile alla vita e al piacere. Per un massaggio su misura si prendono in considerazione cinque strutture caratteriali diverse: cerebrale, dipendente, compressa, dominante e rigida. Le manipolazioni vengono effettuate in sincronia con la respirazione, in modo tale da ottenere il cosiddetto grounding, ovvero la consapevolezza della propria realtà corporea.
Il massaggio bioenergetico (una cui seduta dura circa 60 minuti) ha lo scopo di conferire sicurezza nei propri mezzi. Rende la persona più elastica e malleabile e la aiuta a trovare non solo dentro di sé, ma anche nell’ambiente che la circonda tutte le risposte migliori per le proprie esigenze esistenziali.

 

Leggi anche: I 4 massaggi “fai-da-te” che danno la svolta alla giornata

 

Ayurvedico, per risollevare corpo e mente

È una delle applicazioni dell’ayurveda, considerata la medicina più…………….

 

(segue)

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}