• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.523 visite

Il sonno in gravidanza

Il riposo riveste una importanza cruciale per la salute della gestante

il sonno in gravidanza

Nei  primi tre mesi di gestazione, non è insolito provare una sensazione di spossatezza dovuta alle tempeste ormonali che colpiscono l’organismo in questo delicato periodo. Tuttavia, superato il terzo mese, il corpo ritrova il proprio equilibrio e la gestante riacquista in genere tutta la sua energia. Sarà di nuovo verso il termine della gravidanza, soprattutto sei settimane prima della nascita del bambino, che ci si stancherà molto facilmente e si avrà bisogno di almeno un paio d’ore in più di riposo tutti i giorni. Data l’impossibilità di seguire sempre gli stessi orari, è opportuno approfittare di qualunque occasione propizia per concedersi un riposino o un po’ di relax. La cosa migliore è stendersi sul letto anche senza dormire e tenere i piedi sollevati quando si sta sedute. Se vi assale la stanchezza, non cercate di combatterla: rilassatevi.

 

Quanto dormire in gravidanza?

Durante la gravidanza è indispensabile dormire almeno otto ore per notte. Paradossalmente, può accadere che, pur sentendosi stanche e spossate, non si riesca a chiudere occhio.
Oggi alcuni studiosi hanno formulato l’ipotesi che l’insonnia della gestante sia dovuta al metabolismo del bambino che è in costante attività.

Il processo di crescita e di sviluppo del feto sembra infatti non conoscere sosta; ciò significa che anche l’organismo della madre, dal canto suo, non cessa mai di fornire al bambino cibo e ossigeno e che anche il suo metabolismo non si arresta, provocando le a volte insonnia. Cercate di non innervosirvi se non riuscite a dormire e soprattutto non decidete di prendere sonniferi o tranquillanti senza prima aver consultato il medico. Se vi è impossibile prender sonno, se vi capita di svegliarvi in continuazione nel bel mezzo della notte, se stare sdraiate a letto con gli occhi sbarrati ad aspettare che il tempo passi vi innervosisce oltre misura, eccovi di seguito alcuni consigli che vi potrebbero essere utili.

  • Provate con il tradizionale rimedio del latte caldo quando state per anelare a riposare. Vi aiuterà a rilassarvi e ad addormentarvi.
  • Fate un bagno caldo prima di andare a letto: rilassa i muscoli e può avere una vera e propria azione sedativa. Fate attenzione però che l’acqua non sia “troppo” calda, altrimenti potrebbe avere l’effetto opposto.
  • Provate ad aggiungere all’acqua del bagno qualche goccia di olio essenziale. Lavanda, geranio, rosa e camomilla sono le essenze più indicate.
  • Molte donne durante la gravidanza non riescono a dormire se non hanno molto spazio a disposizione. Se il vostro letto è piccolo, prendete in considerazione la possibilità di comprarne uno più grande con un buon materasso che vi sostenga bene la schiena per tutto il periodo della gestazione: sarà molto più comodo anche durante l’allattamento poiché vi consentirà di rimanere sedute con la schiena ben sostenuta dai cuscini.
  • Anziché rimanere sdraiate sul dorso, provate a girarvi su un fianco se preferite questa posizione. Procuratevi qualche cuscino in più: potrebbero servire a farvi stare più comode. Così, per esempio, quando state sdraiate sul fianco, mettete un cuscino sotto la pancia e un altro tra le ginocchia e le cosce.
  • Sforzatevi di andare a letto più presto: ricordatevi di leggere o di fare sempre qualche esercizio di rilassamento prima di addormentarvi. Respirate profondamente e cercate di concentrarvi sulla nuova vita che sta crescendo in voi. Concedetevi tutto il riposo di cui avete bisogno senza per questo sentirvi in colpa per la vostra inattività.
  • Se vi capita di svegliarvi e di non riuscire più a prender sonno, alzatevi e fate qualcosa che rimandate da giorni o che vi consenta di risparmiare un po’ di tempo il giorno dopo. Potreste anche prepararvi una tisana leggera (camomilla, menta o rosa canina) che vi aiuti a conciliare il sonno.
  • Ascoltate della musica rilassante, magari in cuffia, standovene comodamente sdraiate a letto, o in un’altra stanza.
  • Controllate che la vostra camera non sia troppo calda durante la notte e che ci sia un buon ricambio d’aria. Ricordare che durante la gravidanza la vostra temperatura corporea è maggiore del solito: sostituite perciò le coperte del letto con altre più leggere e ventilate bene la stanza aprendo porte e finestre.
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}