• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

551 visite

Il problema della sterilità in Italia

Il periodo di maggiore fertilità si verifica tra i 20 e i 25 anni

Il problema della sterilità in Italia

Secondo i dati raccolti dal Registro nazionale sulla Procreazione Medicalmente Assistita tra le cause di infertilità il 35,4% è imputabile all’uomo, il 35,5% alla donna, il 15% ha cause maschili e femminili, mentre il 13,2 è idiopatica, cioè senza cause.
Il fatto che le donne italiane decidano di progettare un figlio, dopo i 30 anni, più tardi di tutte le donne europee, sia per motivi economici che lavorativi, fa superare il periodo di maggiore fertilità che si verifica tra i 20 e i 25 anni. Il periodo più fertile per una donna resta sufficientemente alto fino ai 35, subisce un considerevole calo dai 35 ai 40, è bassissimo oltre i 40, mentre l’età dell’uomo è molto meno significativa per la procreazione. Se una gravidanza non arriva dopo due anni di rapporti non protetti è fondamentale rivolgersi a uno specialista in ginecologia, in andrologia, o a un Centro di riproduzione assistita.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}