• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

484 visite

Il pedicure nella cosmesi

Come fare un perfetto pedicure anche a casa

pedicure

I centri specializzati sono la soluzione ideale, per assicurare la giusta attenzione ai nostri piedi. Ma quando non c’è tempo, o magari anche solo se volete mettervi alla prova, si può sempre ricorrere al fai-da-te. Con poche mosse, “rubate” alle estetiste professioniste, si può allestire un perfetto percorso per un pedicure fatto come si deve, anche a casa. Vediamo come.

1) Togli lo smalto
È il primo passo, molto importante. Non usate mai l’acetone: è troppo aggressivo e a lungo andare potrebbe alterare la struttura idrolipidica dell’unghia. Meglio un solvente oleoso ipoallergenico (cioè a minimo rischio di provocare reazioni allergiche).

2) Fai il pediluvio

Regolate la temperatura dell’acqua a 35-37°. Aggiungete una manciata abbondante di sale: disinfetta e riduce i gonfiori perché tende a richiamare acqua dai tessuti. Il bicarbonato ha la stessa funzione, ma sbianca: d’inverno è perfetto, ma subito dopo l’estate, se volete mantenere l’abbronzatura, no.


3) Usa soltanto acqua fredda

Fate risalire il getto dalle dita fino alle ginocchia. Sarà una sferzata di energia che favorirà la circolazione sanguigna e linfatica. Alla fine asciugate i piedi con un asciugamano morbido.

4) Ora puoi passare alle pellicine
Le pellicine rappresentano una protezione fondamentale per ridurre il rischio di infiammazioni e infezioni. Meglio quindi non eliminarle: spingetele verso il bordo con un bastoncino di legno d’arancio. E se proprio dovete tagliarle, per i piedi usate un tronchesino. <br /><br />

5) Taglia le unghie
Dopo il pediluvio, le unghie sono più morbide: è questo il momento ideale per accorciarle. Ma usate il tronchesino, perché il taglio è più netto e le unghie non si sfaldano. Per evitare che si incarnino, quando le tagliate seguite la loro forma naturale, senza insistere negli angoli.

6) Limale bene
Partite sempre dai lati verso il centro dell’unghia, per evitare che le unghie si sfaldino. Ricordate poi di usare limette in cartone (non in metallo): sono più igieniche perché si gettano dopo pochi utilizzi.

7) Ora passa all’esfoliazione
Eliminate le cellule morte passando una spugnetta esfoliante in modo dolce, ma deciso. Oppure prendete 2 cucchiai di polpa di avocado, 1 cucchiaino di farina gialla, 1 cucchiaio di farina di avena. Mischiate fino a ottenere una consistenza pastosa (se necessario aggiungere un filo d’acqua). Applicate sui piedi umidi e sfregate per 5 minuti. Poi sciacquate con acqua, ma senza sapone per non perdere l’effetto nutriente dei grassi dell’avocado e dell’avena. Potete fare questo scrub anche tutti i giorni.

8) Metti la crema

Perché la pelle diventi più elastica, applicate sempre una crema. Sceglietene una a base di urea e di lipidi, sostanze dall’alto potere idratante. Mettetela tutti i giorni, specie se la pianta dei piedi è molto secca.

9) Fai un massaggio
Afferrate i piedi con le mani. Pollici sui dorsi dei piedi, dita sotto la pianta. Ora massaggiate le piante dei piedi con piccoli movimenti rotatori che dalle dita vadano verso il tallone. In questo modo favorirete la circolazione e i piedi saranno subito più riposati.

10) Rimetti lo smalto
Finalmente potete stendere una mano di smalto. Ma ricordate
di rimuoverlo dopo 3 giorni e di non dipingere l’unghia, poi, per altre 48 ore, per darle il tempo di respirare. Altrimenti il rischio è che ingiallisca e diventi molle.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}