• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.200 visite

Il linguaggio della seduzione – Toccarsi i capelli

L’obiettivo è quello di renderci interessanti allo sguardo dell’altro

toccarsi i capelli

Come viene eseguito

I capelli vengono portati dietro le orecchie o la nuca con una lenta e delicata carezza. Nell’uomo i capelli possono essere ravviati sulla fronte per il semplice fatto che in genere è questa la zona in cui vengono tenuti più lunghi. Si tratta di un gesto talmente comune e automatico che pure chi è stempiato o addirittura calvo esegue comunque quest’azione.

 

Quando possiamo osservarlo

Spesso lo osserviamo quando una persona si sente rivolgere un complimento oppure avverte di essere guardata con interesse o ammirazione. Possiamo notare quest’azione anche in chi è attratto o “colpito” da qualcuno e con questo segnale intende “farsi bello” ai suoi occhi. Da questo contesto originario, l’atto di accarezzarsi i capelli è stato generalizzato fino a riguardare qualsiasi cosa (anche un argomento del dialogo) che susciti attrazione.

 

Che cosa significa

Nel contesto di un corteggiamento, passarsi una mano fra i capelli ha un obiettivo preciso: renderci interessanti allo sguardo dell’altro, cosi da farlo cedere al nostro “fascino”.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}