• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.344 visite

Il linguaggio dei gesti – Avvicinarsi all’altro

Avviene quando qualcuno vede un’altra persona da cui è attratto e che si trova distante

avvicinarsi all'altro

Come viene eseguito

L’avvicinamento spesso è accompagnato da un pretesto o viene messo in atto evitando di guardare l’altro. Talvolta è eseguito non furtivament mostrando segni di imbarazzo, come per esempio un’esitazione, per non far trapelare le proprie intenzioni. In genere, questo comportamento è preceduto da altri segnali di attrazione. Equivalente a questo gesto è, in una compagnia, sedersi accanto a qualcuno, se ciò non è casuale o dettato da altri motivi. Chi si avvicina, inoltre, tende a rimanere accanto all’altro anche dopo che il pretesto adottato non ha più ragione di essere.

Quando possiamo osservarlo

Nelle circostanze in cui qualcuno vede un’altra persona da cui è attratto e che si trova distante.

Che cosa significa

La “violazione” della distanza interpersonale è un atto automatico realizzato perché si è come calamitati dall’altro. La naturale prosecuzione di quest’atto è il contatto fisico, ovviamente a patto che l’altro individuo gradisca essere avvicinato.

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}