• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero
1.552 visite

Il fuso orario

Adattarsi al fuso orario non è sempre semplice; ecco alcuni consigli per attenuarlo facendo leva su cibo e sonno

Il fuso orario

L’attraversamento di parecchi fusi orari sconvolge il ritmo veglia-sonno, causando il “jet lag”(sfasamento di orario). Il disturbo è proporzionale al numero di ore di sfasamento e diventa consistente quando vengono superati almeno quattro fusi orari come ad es. l’attraversamento  in aereo dell’Atlantico verso Ovest od il viaggio verso Est dall’Europa a Calcutta. I disturbi del sonno e la riduzione dell’attenzione sono le principali conseguenze delle variazioni di fuso orario.

Il tempo necessario per un adattamento completo dipende dal numero di fusi orari attraversati. L’impatto del cambiamento di fuso orario può essere fortemente attenuato, se il ciclo dei pasti e del sonno vengono spostati di una o due ore, un giorno o due prima della partenza.

E’ utile prevedere alcuni periodi di riposo durante i primi giorni dopo l’arrivo.

Leggi anche
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}