• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.268 visite

Igiene intima, che errore sottovalutarla!

Le parti più delicate del tuo corpo vanno protette. E l’acqua da sola non basta…

Gran parte delle donne sono convinte di avere la soluzione infallibile per la propria igiene intima. Eppure non è proprio così scontato sapere con certezza quando, come e con quale detergente lavarsi, senza incorrere nei tipici e fastidiosi problemi collegati agli errori…
Al risveglio e prima del sonno
Meglio non esagerare: se vi lavate troppo spesso rischiate di seccare la pelle. Di base, va bene due volte al giorno: al risveglio e la sera, prima di andare a dormire. In più, dopo ogni evacuazione per eliminare i batteri dalla zona genitale. E ogni volta che si cambia l’assorbente durante le mestruazioni. 
Usa sempre tanta acqua
Procedete sempre dalla vagina verso l’ano e mai viceversa. In questo modo si evitano le infezioni provocate dal passaggio dei germi dall’intestino all’utero. Meglio sarebbe lavare le due parti separatamente. Sciacquate con molta cura e in abbondanza, evitando di lasciare residui di detergente. 
No al sapone per le mani
Il livello di pH considerato ottimale per rispettare il tasso di acidità della pelle, è tra il 5 e il 6. Sappiate quindi che il sapone con cui vi lavate le mani (che, anche quando è neutro, ha un pH 7) non va bene. In caso di infezioni è meglio utilizzare un detergente ad azione antisettica. 
Cambia spesso asciugamano
L’umidità rappresenta un terreno fertile per i batteri, perciò asciugatevi con molta cura e senza fretta. L’asciugamano deve essere cambiato ogni giorno e non va condiviso con nessun componente della famiglia, soprattutto con i bambini. Quando non siete in casa, utilizzate solo salviette usa e getta. 
Il deodorante? Senza alcol
Se c’è un elemento capace di irritare la mucosa, quello è l’alcol. Controllate che il deodorante non ne contenga e che funzioni con un vaporizzatore (una specie di spray senza gas). Non usatelo quando avete infezioni in atto e se state facendo una cura locale con ovuli o creme. 
Ogni età ha il suo prodotto
Il detergente della mamma non va bene per le bambine: l’acidità della loro pelle ha un pH più alto e basta un qualsiasi sapone neutro. Durante la menopausa, invece, la diminuzione degli estrogeni può provocare secchezza vaginale: meglio quindi un prodotto con sostanze idratanti.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}