• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.893 visite

Ictus emorragico, ecco la terribile verità sulla morte di Fabrizio Frizzi

…tante strade; nel caso in cui una strada ( cioA? un’arteria) dovesse essere piena di traffico ( cioA? impedisse al sangue di transitare) grazie al Circolo di Willis, il sangue riesce comunque ad arrivare al cervello utilizzando altre strade che sfociano nello stesso anello.

 

Cos’A? l’Ictus

Quando il sangue non riesce ad arrivare al cervello da una delle arterie, avviene un ictus che può essere lieve oppure di vaste proporzioni. L’Ictus può essere di due tipi: Ictus ischemico e Ictus emorragico.

Ictus Ischemico: costituisce circa l’80% dei casi di ictus ed è dovuto all’ostruzione di un’arteria.

Accade cioA? che le cellule del cervello, non vengano più irrorate di sangue che contiene glucosio e ossigeno.

Un attacco ischemico transitorio (altrimenti noto come TIA) avviene quando l’interruzione del flusso di sangue è momentaneo e finisce immediatamente consentendo al cervello di essere nuovamente irrorqao e dunque di non soffrire danni.

Ictus emorragico: costituisce il 20% dei casi di ictus ed è dovuto al sanguinamento all’interno ed intorno all’encefalo. In questo tipo di ictus si verifica la rottura di una vaso tra quelli che portano il sangue al cervello.

 

Leggi anche: Ictus da giovani? ecco tutte le cause

 

 

Quando si rischia l’ictus

I maggiori fattori di rischio di ictus sono:

  1. l’aterosclerosi – la causa di gran unga più diffusa – che è il restringimento delle pareti delle arterie a causa di grasso o stenosi arteriosa;
  2. la pressione alta ( ipertensione arteriosa);
  3. il diabete;
  4. il fumo;
  5. l’uso di anticoagulanti;
  6. l’uso di cocaina e anfetamine;
  7. aneurismi delle arterie endocardiche;
  8. malformazioni vascolari;
  9. vasculiti.

Quali di queste cause sia all’origine della morte di Frizzi è ancora coperto dal riserbo.

 

Leggi anche: Ictus, ià 6 campanelli d’allarme

 

 

Bruno Costi

Direttore Responsabile Staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}