• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

28.215 visite

Infarto nelle donne, i 6 campanelli d’allarme da riconoscere

L’infarto nelle donne è in aumento ma i sintomi per riconoscerlo sono diversi da quelli dell’uomo. Ecco i 6 campanelli d’allarme che annunciano l’infarto nelle donne.

Infarto nelle donne, i 6 campanelli d'allarme da riconoscere

Quando si parla di infarto nelle donne, bisogna fare molta attenzione all´aspetto dei sintomi. Perché a differenza di quanto accade per gli uomini riconoscere un attacco di cuore nella donna  è più complicato.

Per l’uomo i segnali sono abbastanza chiari,  e sono ben codificati negli ultracensiti segnali premonitori dell’attacco di cuore.

 

Leggi anche: I 4 sintomi dell’infarto meno conosciuti

 

Per la donna invece tutto è più complicato perché l’attacco di cuore si presenta con sintomi  del tutto  diversi, più subdoli , meno chiari rispetto al classico senso di oppressione al petto o al dolore al braccio sinistro. E questo, sia per la diversa predisposizione sia perché  l’infarto nella donna  è un fenomeno relativamente recente, correlato sia al maggiore stress sia all’aumento della presenza femminile sui luoghi di lavoro.

 

Quali rischi
Alla conclusione che la donna vive sintomi del tutto specifici è giunto uno studio condotto da un team guidato da John Canto della Watson Clinic and Lakeland Regional Medical Center di Lakeland, Florida (negli Usa).

Il lavoro ha preso in esame oltre un milione di americani in 1.000 ospedali ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of American Medical Association“.
L´indagine ha confermato che, in generale, gli uomini hanno più attacchi di cuore delle donne, ma queste hanno più probabilità di morirne al di sotto dei 55 anni d´età. E senza i segnali d´allarme tradizionali, c´è anche un maggior rischio di errori nella terapia.

 

Infarto: i “campanelli d’allarme” silenziosi- Guarda IL VIDEO

 

Riconoscere per tempo è fondamentale
Gli esperti si sono dunque concentrati sulla differenza nei sintomi nei pazienti più giovani, quelli “under 55”, e hanno rilevato il divario più consistente: il 42% delle donne non viene colpito da dolori al petto durante un infarto (negli uomini lo stesso valore si ferma invece al 30%). Risultato di questa differenza? Il 14% delle donne muore, contro il 10% degli uomini.
“Riconoscere bene un attacco cardiaco e trattarlo precocemente è essenziale. I pazienti senza sintomi al petto tendono ad andare più tardi dal medico e ad essere trattati meno intensamente. Per questo fra di loro c´è una mortalità doppia rispetto a chi sperimenta i sintomi classici dell´infarto”, commentano gli autori.

 

Leggi anche: Tennis e infarto, guida ai sintomi per l’uomo e la donna

 

I campanelli d’allarme dell’infarto nella donna

 

I campanelli d’allarme che devono mettere sul chi va là le donne sono almeno 6 :

  1. Dolore alla schiena: a differenza dell’uomo che  accusa dolore al torace ed al braccio la donna può sentire un dolore meno intenso alla schiena tanto che a volte viene scambiato con un banale falso movimento o sforzo subito dalla schiena.
  2. Nausea: può comparire anche una forte nausea che a volte, specie in donne in età fertile ed in predicato per diventare mamme, può essere scambiato per il classico segno di una gravidanza incipiente;
  3. Stanchezza e affaticamento: tutte le donne, specialmente quelle che lavorano, se devono badare alla casa, al lavoro ai figli al marito è facile che siano spesso stanche. Qui stiamo parlando di un affaticamento superiore al normale e senza apparente motivo.

 

Leggi anche: Infarto, ecco l’ora più a rischio

 

  1. Sudori freddi e giramenti di testa: in questo caso sensazioni nitide non  usuali e non collegabili con fatti specifici.
  2. Dolore alle spalle: se il dolore sale sul collo si irradia sulle spalle , piuttosto che dare oppressione al torace, può essere un segnale di allarme facilmente confondibile con la classica contrattura da dolore alla cervicale.

 

Leggi anche: Colesterolo, troppi italiani non si controllano

Se avvertite  più di uno di questi sintomi, un controllo dal medico di fiducia e se necessario dal cardiologo per un elettrocardiogramma toglie ogni dubbio.

 

Sai riconoscere l’infarto? Scoprilo con il TEST

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}