• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.066 visite

Stipsi e stitichezza, i 7 segreti per diventare regolari

Niente fumo: la sigaretta stimola l’intestino, ma lo fa in maniera disordinata e quindi non aiuta la stipsi.

10 minuti tutti per te: sono pochi, ma bastano a darvi il tempo necessario per le vostre funzioni intestinali. Sbagliato inibire lo stimolo e rimandare di andare in bagno per mancanza di tempo. A lungo andare la stipsi potrebbe farsi sentire.

Abbasso la sedentarietà: l’intestino si “impigrisce” se non ci si muove. I lavori di ufficio che obbligano a stare tante ore seduti influiscono negativamente sul funzionamento dell’intestino, mentre lo sport in genere favorisce un buon equilibrio intestinale. Se non avete tempo per uno sport regolare, basta che vi dedichiate a mezz’ora di passeggiata ogni giorno.

I lassativi: una stitichezza temporanea, causata da stress o da un cambiamento improvviso nello stile di vita, può essere curata con un lassativo blando e alimentandosi in modo leggero. Quando il problema persiste, occorre rivolgersi al medico, almeno per escludere le cause organiche della stitichezza (ad esempio malattie del colon o tumori). Anche l’uso dei lassativi va sempre consigliato dal medico. Possono essere di aiuto i derivati del lattulosio. I purganti che pure garantiscono un’evacuazione rapida, se assunti per molto tempo possono addirittura favorire la stipsi, perché irritano la mucosa dell’intestino. Attenzione, però: perché l’assuefazione a questi farmaci è sempre dietro l’angolo.

 

Leggi anche: Perchè le microflora intestinale è una barriera di salute

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}