• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

157 visite

Nati prematuri? Come evitare problemi in matematica

Rischi elevati di soffrire di discalculia quando arriveranno a scuola

I bimbi nati prematuri rischiano di avere problemi con la matematica. è quanto emerge da uno studio dell’Università di Warwick e della Ruhr-University Bochum pubblicato sulla rivista di settore “Journal of Pediatrics”.
In particolare, spiegano gli studiosi che hanno esaminato 922 bambini tra i 7 e i 9 anni, ad avere problemi sono, tra i bimbi nati prima del tempo, quelli che alla nascita sono troppo piccoli per l’età gestazionale di riferimento.

Per loro vi è una maggiore possibilità di andare incontro a un disturbo noto come discalculia, una vera e propria patologia caratterizzata da mancanza di abilità matematiche e di calcolo, mentre per tutti gli altri vi è un forte rischio, pur non in presenza di una malattia, di non sviluppare comunque a pieno le capacità analitiche e di calcolo.

 

Leggi anche: Matematica,à 5 modi per farla piacere ai bambini

 

Deboli in matematica
In generale, si evidenzia infatti nello studio, essere prematuri predispone i bambini ad essere piuttosto deboli in matematica: quelli nati prima delle 32 settimane di gestazione hanno problemi con i calcoli nel 39,4% dei casi, rispetto al 14,9% di quelli nati con una gravidanza portata regolarmente a termine.

“Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli di questo problema e aiutare i bimbi pretermine a sviluppare a pieno le capacità analitiche e di calcolo richieste per il raggiungimento degli obiettivi scolastici”, spiega Julia Jaekel della Ruhr- University Bochum, tra le autrici della ricerca.

 

Leggi anche: Studiare in digitale? Consigli per bambini

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}