• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

893 visite

I frutti di bosco

Sono perfetti per la stagione calda, quando l’afa porta il fisico a perdere liquidi

Frutti di bosco

I frutti di bosco sono i cibi della longevità per antonomasia. Le loro caratteristiche nutrizionali (sono ricchi di vitamine A, B1 e B2, ma soprattutto di vitamina C e di sali minerali, in particolare di potassio) li rendono fondamentali per un’alimentazione corretta.

Molto dissetanti, grazie al fatto di contenere circa il 90% di acqua, sono perfetti per la stagione calda, quando l´afa porta il fisico a perdere liquidi preziosi che vanno reintregrati.

Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche dei principali frutti di bosco.

 

Le fragoline di bosco

Le sorelle minori delle fragole contengono solo 27 calorie in 100 g. La quantità  di vitamina C che possiedono è altissima, ma sono anche ricche di ferro e fosforo.

Tra i tanti vantaggi delle fragoline di bosco, quello di contribuire a regolare i livelli ormonali. Pare siano anche un buon rimedio anti-stress. E recenti studi hanno dimostrato proprietà anti tumore.

Così come le fragole, però, sono frutti noti per causare intolleranze e allergie, specie nei bambini. Inoltre contengono salicilato, che non è ben tollerato da tutti.

 

I lamponi

Il lampone è il più completo tra tutti i frutti di bosco. Contiene tante vitamine (B1, B2, C ed E), zuccheri, minerali (potassio, calcio e fosforo), fibre e acido folico.

Più calorico degli altri (34 calorie per etto), è utile contro le infiammazioni articolari grazie alla sua azione diuretica, e sa regolarizzare il ciclo mestruale. In più, è ottimo per i diabetici: l´infuso che si prepara con le sue foglie aiuta a contrastare l´iperglicemia.

Un recente studio giapponese ha scoperto che contiene un enzima “mangiagrassi”.

 

I mirtilli

Il mirtillo è il meno calorico tra tutti i frutti di bosco: soltanto 25 calorie in 100 grammi. A differenza di altri, poi, non è particolarmente ricco di vitamina C; però contiene diversi elementi benefici per la salute dei denti e durante la menopausa.

Inoltre, gli antociani (sostanze antibatteriche comuni a tutti i frutti di bosco) fanno bene alla pelle, combattono i segni dell´invecchiamento, ma soprattutto aiutano a curare le infezioni alle vie urinarie.

Infine, i mirtilli contengono sostanze che proteggono la retina e agiscono sui neurotrasmettitori della vista, facilitando così la visione notturna. Le sole precauzioni riguardano i soggetti allergici.

 

Le more

Le more sono i frutti di bosco più calorici in assoluto: 36 calorie ogni 100 grammi. Dal punto di vista nutrizionale, la loro ricchezza sta nelle fibre, nelle vitamine C ed E, e nel betacarotene.

Ottime per chi soffre di infiammazioni articolari o reumatismi, perché aiutano lo smaltimento dell´acido urico che li causa fermandosi nelle articolazioni. Contribuiscono a regolarizzare il ciclo mestruale.

Chi non tollera l´acido acetilsalicilico, rischia di non tollerare nemmeno le more: contengono infatti salicilato, che nei soggetti sensibili può portare a prurito, orticaria e gonfiori.

 

Il ribes

Il ribes può essere di due tipi: ribes rosso o ribes nero. In entrambi i casi, apporta sempre lo stesso numero di calorie: 28 per ogni 100 grammi. Soprattutto il ribes nero è molto ricco di vitamina C: a parità  di peso, ne contiene quantità  quattro volte superiori alle arance. Inoltre ci sono potassio e ferro.

Il ribes possiede un importante effetto diuretico che previene reumatismi e infiammazioni. La sua azione aiuta a prevenire e a guarire alcune forme di allergia. Infine ha una forte azione antiossidante ed è considerato un frutto anti invecchiamento perché ha effetti benefici sulla salute della pelle.

Leggi anche
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}