• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.764 visite

I 7 segreti per aumentare l’energia quotidiana

Secondo la Società italiana di psichiatria, per far crescere l’energia fisica come vorremmo occorrono 3 cose: alimentazione, attività fisica e organizzazione.

I 7 segreti per aumentare l’energia quotidiana

Se sei stupito di vedere il collega, l’amico, il parente che spizza energia e vitalità e tu un po’ lo invidi, un metodo per ritrovare o aumentare l’energia quotidiana c’è ed è anche gratis.
Basta sapere che l’energia che abbiamo in corpo è la stessa per tutti noi, e se qualcuno sembra ne abbia di più è solo perché sa dosarla, distribuirla durante la giornata in modo oculato o quanto meno in modo migliore di noi.
Ciò detto, però, la Società italiana di psichiatria ci aiuta ricordandoci una premessa ed una prescrizione: la premessa è che per far crescere l’energia fisica come vorremmo occorrono 3 cose: alimentazione, attività fisica e organizzazione.

 

Leggi anche: Stanco senza motivo? Le 6 cause possibili

 

I consigli per non restare senza sprint

La prescrizione è in 7 segreti che  la medicina ha elaborato e che se riusciremo a seguire ci daranno lo sprint che cerchiamo.
1. Dormire bene – E’ il presupposto essenziale per ritrovare energia o aumentarla. Per tenere un buon ritmo bisogna dormire bene perché le ore dedicate al sonno perfezionano la capacità di apprendimento  e di memorizzazione ed inoltre contribuiscono a ricostruire il terreno cognitivo che ci permette di gestire gli impegni senza disperdere energie.
2. Pianificare le priorità della giornata – E’ una delle premesse indicate dalla Società di psichiatria e senza le quali tutto diventa più difficile. Se l’energia di ognuno di noi è una quantità data e si tratta solo di imparare a gestirla, l’organizzazione è fondamentale. Occorre cioè fin dalle prime ore del mattino, quando ci accingiamo a vivere la giornata di studio o di lavoro o di attività familiari, stabilire con chiarezza gli obiettivi che ci prefiggiamo durante il giorno e ordinarli secondo un chiaro ordine di priorità. Poi occorre seguire le priorità che ci siamo dati ed in tal modo avremo dato le energie migliori alle attività che riteniamo più importanti.
3. Bere senza risparmio – La maggior parte di noi è convinta che ci siano bevande  in grado di dare una sferzata di energia al nostro fisico ed al nostro cervello. Nicola Sorrentino Dietologo della Columbis Clinic Diet di Milano è categorico: sono balle. Le bevande pubblicizzate come energy drink possono dare un senso immediato di energia ma poi, passato il picco,  possono anche provocare stati d’ansia e il rendimento cala. Dunque, al posto di tè o caffè, bisogna bere acqua e solo acqua. Basta infatti una disidratazione dell’organismo di appena l’1% per farci sentire subito più stanchi e deconcentrati. Quanta acqua? I soliti 2 litri al giorno, o se preferite  almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno.

 

Leggi anche: Bevi poco? Cosa rischi se sei disidratato

 

(segue)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}