• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.640 visite

Lo scroccone? Ecco i 4 indizi per riconoscerlo a prima vista

Chi è lo scroccone? Che differenza c’è con il tirchio e con il pidocchioso? Con l’aiuto di psicologi e scrittori ecco i 4 indizi per riconoscerlo o neutralizzarlo.

scroccone

Lo scroccone è uno che non paga mai o, guarda caso, non ha mai la possibilità di pagare e si affida sempre alle generosità degli altri.

Ognuno di noi ne conosce o ne ha conosciuti tanti e siamo certi che converrete su un punto: lo scroccone non ha nulla a che vedere con il tirchio o l’avaro perchè, a differenza di questi ultimi, riesce a far leva sulla prodigalità altrui con leggerezza, levità, simpaticamente. E se è uno scroccone di serie A, riuscirà addiritturaa far passare l’offerta che facciamo noi di pagare per lui come una sua concessione episodica, una cortesia che lui fa a noi proprio perché accettiamo di pagare noi mentre , poverino, di sostituirci a lui che vorrebbe tanto farlo ma guarda caso non può.

Statistiche non ce ne sono ( e come potrebbero mai essere censiti gli scrocconi?) ma percezioni tante, anzi tantissime. Tanto che al Corriere della Sera è venuto in mente di far appello a psicologi e sociologi per stilare un vero e proprio “ Manuale dello scroccone” pubblicato l’8 febbraio 2017.

 

Leggi anche: Il “Vampiro-emotivo”: ti sta accanto e non lo sai

 

Il profilo psicologico dello scroccone

 

Per capire il tratto distintivo ed il profilo psicologico dello scroccone basta ricorrere alla sapienza dello psicologo Massimo Bustreo ricercatore di Psicologia dei Consumi allo IUL di Milano.
Lo scroccone non è uno che va cercando che qualcuno gli paghi una rata del mutuo, una spesa alla Esselunga, un soggiorno alle Terme. No, sono oneri troppo pesanti ed ingombranti, che magari possono soddisfare un povero o un pidocchioso ma non uno scroccone.

Lui, lo scroccone, si lascia sedurre da ben altro, da chi gli paga piccole cose, un caffè, una colazione al bar, un pacchetto di sigarette, perchè la sua psicologia ed il suo atteggiamento sono quelli di uno snob, uno che non dà peso al denaro, che se lo avesse davvero in tasca, farebbe sempre lui, figurarsi!

“ E’ una tipica natura da immaturo – spiega Bistreo – perchè l’atto di pagare qualcosa rappresenta l’assunzione di una responsabilità adulta, che è quella di guadagnare e che presuppone quella di dover lavorare. Gli scrocconi invee sono degli eterni bambini che pensano che tutto sia loro dovuto”.

 

Leggi anche: Il tuo partner è immaturo? Come recuperarlo in 7 mosse

 

 

 

 

Niente a che vedere con il tirchio

 

A sostenere che lo scroccone è cosa ben diversa dal tirchio è lo scrittore Luciano De Crescenzo.
Reo confesso di appartenere alla categoria dei “ pidocchiosi”, ovvero dei tirchi dal braccio corto, De Crescenzo teorizza così: ”il pidocchioso è colui che soffre nello spendere cifre modeste; per l’avaro invece la sofferenza è universale non importa se gli euro siano 5 o cinque mila. Lo scroccone è invece un approfittatore seriale, categoria che non ha nulla a che vedere con le precedenti due.

 

 

Leggi anche: Il tuo partner è avario? Ecco che fare

 

 

Come si riconosce uno scroccone

 

 

Ed eccoci allora alla domanda cruciale che potrebbe aprirci gli occhi molto più di un trattato di psicologia. Se il suo profilo è quello descritto, le differenze con le altre due categorie della difficoltà a spendere sono quelle indicate, come facciamo a riconoscere uno scroccone?

 

Gli esperti indicano che i principali indizi che dovrebbero metterci in allarme sono almeno 4:

La tecnica: lo scroccone non ha mai soldi spiccioli in tasca. Lo fa apposta, studia scientificamente con quanto denaro uscire da casa. Perchè quando arriva il momento di pagare il caffè lui è quasi sempre il primo a fare il gesto, ma tira fuori una banconota da 100 euro per pagare un caffè da 1 euro e confida, di fronte alla smorfia del cassiere, che tu gli dica: “ma dai, faccio io che ho monete in tasca”. Missione compiuta.

 

L’approccio: lo scroccone non si lamenta mai dei pochi soldi. Anzi, lui ostenta abitudini para-aristocratiche di colui che dà davvero poca importanza al denaro, con modi snob, gesti sopraffini. Perchè lui è convinto che noi borghesi siamo generalmente ben disposti a pagare per un aristocratico in quanto, così facendo, colmiamo un nostro supposto complesso di inferiorità.

 

Che rapporto hai con i soldi? Scoprilo con IL TEST

 

 

Tag:
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}