• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

429 visite

Aglio? Un farmaco naturale che cura 13 malattie

Un autentico farmaco naturale. Utile contro ipertensione e colesterolo, mal di testa e bronchiti, protegge il cuore e il fegato

Aglio e longevità hanno qualcosa in comune? Con i 77,2 anni per gli uomini e gli 82,8 anni per le donne, gli italiani sono il popolo più longevo dell’Unione europea. Merito della dieta mediterranea, d’accordo. Ma anche di un alimento tipico di questo regime alimentare, eppure amato e odiato: l’aglio.
Secondo la Coldiretti, sarebbe proprio il tanto bistrattato responsabile di aliti non proprio profumati ad allungarci la vita. Con i circa 50 milioni di kg consumati a testa ogni anno, il beneficio che traiamo dalle molteplici proprietà di questo alimento considerato unanimemente un efficace farmaco naturale, è garantito.

Un farmaco naturale

L’aglio ha una lunga tradizione terapeutica: sono almeno 13 le patologie per le quali è considerato un toccasana.
Antibiotico naturale, indicato contro ipertensione, l’aglio contribuisce a curare il diabete. E permette di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Non solo: è una formidabile difesa dell’organismo contro l’influenza, la bronchite, la tosse e perfino alcuni disturbi del fegato. Secondo la Coldiretti, sarebbe perfino una valida alternativa tutta naturale al Viagra, come confermano recenti ricerche scientifiche che hanno provocato un boom delle vendite nei supermercati inglesi.
L’aglio, ricordato nelle più antiche ricette come vermifugo, vanta una storia nobile che lo vede addirittura presente nelle unzioni regali dei re di Francia in quanto simbolo di energia che allontana il male e che fa scaturire dalla bocca del sovrano sentenze improntate alla giustizia e all’equità.
Nelle tradizioni popolari, l’aglio è consigliato contro mal di testa, infezioni e malattie cardiovascolari, ma soprattutto viene indicato come disinfettante dellA?intestino perchè svolge un’efficace azione antibatterica intestinale.

Qual è e come si sceglie il migliore
Gli agli tradizionali italiani sono conosciuti e apprezzati nel mondo ed entrano come condimenti ricercatissimi nelle ricette più rinomate: da quello rosso di Sulmona all’aglio polesano, dall’aglio bianco di Vessalico a quelli dell’Ufita, di Molino dei Torti, di Resia, Massese di Castelliri, di Nubia, di Procedo, maremmano, di Monticelli’

Per garantire l’efficacia nell’azione il consiglio è di di verificare le etichette e di preferire la produzione nazionale, che garantisce freschezza perchè non deve sopportare lunghi tempi di trasporto necessari per le partite che arrivano da Cina, Egitto e Turchia (principali esportatori di aglio verso l’Italia).

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}