• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

920 visite

Gli uomini preferiscono le signore in rosso

È il colore in grado di risvegliare nel maschio gli istinti sessuali primordiali

Per scatenare gli istinti sessuali primordiali, ma anche per risvegliare un desiderio un po’ appannato, la scienza suggerisce la sua ricetta alle donne: vestirsi di rosso. Automaticamente, verrebbero considerate dai loro partner più attraenti e desiderabili. È la tesi di un gruppo di ricercatori statunitensi dell’Università di Rochester, che hanno condotto uno studio sull’argomento pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Personality and Social Psychology”. Un omaggio un po’ tardivo, forse, a un celebre film degli Anni 80 che si intitolava proprio “La signora in rosso”, con un’irresistibile Kelly Le Brock per protagonista…

L’irresistibile fascino del rosso
Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno sottoposto a 100 uomini, per lo più studenti universitari, una serie di foto di donne. I volontari sono stati invitati a esprimere le loro preferenze e a indicare le donne con cui avrebbero voluto avere un rapporto sessuale: la maggior parte degli uomini ha scelto la foto di una donna che presentava tonalità di rosso. O meglio, quelle vestite con abiti rossi o quelle la cui foto era incorniciata in rosso.
Ma per i ricercatori questo colore piace per motivi biologici. Così come alcuni primati maschi sono attratti da femmine della stessa specie che presentano delle tonalità scarlatte, anche gli uomini subiscono questa particolare attrazione. I babuini e gli scimpanzè femmine, ad esempio, nel periodo dell’ovulazione assumono delle colorazioni rosse che sembrano irresistibili per i maschi della loro specie.

Patrimonio dell’evoluzione
Se l’uomo rimane così folgorato da una “signora in rosso”, è tutto merito dell’evoluzione. Dalla notte dei tempi, facciamo coincidere questo colore con l’attrazione fisica. “Questa tendenza biologicamente radicata a rispondere al rosso come a un segnale di attrazione”, ha spiegato infatti Andrew Elliot, coordinatore dello studio, “potrebbe essere un patrimonio tramandatoci nel corso della nostra evoluzione”.

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}