• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

844 visite

Funghi prataioli, una “miniera” più ricca dei porcini

Se volete sapere cosa c’entrano i funghi con le fratture delle ossa, leggete questo articolo che ci spiega il nesso tra i prataioli e la vitamina D.

funghi-prataioli

30 perchè scoprirete che quando si  tratta di mettere  in tavola in funghi, i migliori non sono necessariamente i porcini.

Per saperne di più occorre tenere a mente che la vitamina D è un elemento fondamentale per la solidità delle nostre ossa. Senza di lei, lo scheletro risulterebbe friabile ed esposto al rischio di fratture. Per non parlare del rischio osteoporosi, che con il giusto apporto di vitamina D, appunto, si riduce notevolmente, per non dire “a zero”.

 

Leggi anche: Il sole fissa il calcio, “si”ma che vuol dire?

Ma come garantire la necessaria quantità di questa preziosa vitamina al nostro organismo?

Tutti sanno che  bere acqua ricca di calcio  la fissazione del calcio nelle ossa. Meno noto è che anche i funghi prataioli o champignon (Agaricus bisporus), la varietà più conosciuta dopo i porcini , possono produrre una quantità sufficiente di vitamina D per il fabbisogno quotidiano di una persona media. Ma a una condizione: come gli esseri umani, anche i funghetti, hanno bisogno di esposizione al sole per avviare la produzione fotochimica.

 

 

Leggi anche: L’esperto: “Funghi fai-da-te? Ecco i rischi che puoi evitare

 

Al sole
I prataioli hanno bisogno di 2 ore su un piatto esposto al sole estivo, un po’ di più in inverno, per caricarsi di vitamina D. Lasciando poi i funghi per un paio d’ore all’ombra, spiega Rebecca Mason, primaria di fisiologia nella Sydney Medical School (Australia), si dà tempo per completare la reazione chimica. Il tutto senza alterare i funghi né il loro sapore.
Nessun altro cibo allo stato naturale fornisce altrettanta vitamina D, sottolinea la studiosa in una relazione sul sito dell’Università di Sydney.

 

Leggi anche: Funghi, 5 regole per mangiarne in sicurezza

 

La quantità giusta
La vitamina D svolge un ruolo essenziale nella salute ossea, ma molte persone ne sono carenti, specie nei mesi invernali. Non è ancora chiaro perché i funghi ne possano produrre in tale quantità, ma le ricerche confermano che tre o quattro funghi forniscono circa 10 microgrammi della vitamina, il fabbisogno quotidiano per un adulto attivo. Per chi rimane al coperto o è malato, la dose di funghi dovrebbe aumentare.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}