• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

729 visite

I funghi, che alleati se sei a dieta!

Mangiare funghi, sempre naturalmente se viene fatto con criterio e consapevolezza (dunque prestando la massima attenzione a dove si comprano e a chi opera la valutazione di sicurezza dell´alimento), non porta solo pericoli e svantaggi. Lo sa bene chi deve osservare un regime ipocalorico.

I funghi, infatti, sono un ingrediente essenziale di qualunque dieta. Anzitutto contengono pochissime calorie, poi molte fibre e proteine, mantenendo il livello degli zuccheri al minimo. I grassi, poi, sono quasi inesistenti. Inoltre contengono una grande quantità d’acqua, circa il 90%.

E i vantaggi non finiscono qui. Oltre alle poche calorie (100 g di porcini, solo per fare l´esempio della specie più famosa e prelibata, ne contengono solo 26), va registrata una buona presenza di ferro (in 200 g ce n’è un sesto della dose giornaliera di un adulto), una discreta quantità di acido folico (la vitamina B9) e sali minerali (potassio, calcio, fosforo e rame).

E i difetti? Possibile che i funghi abbiano solo virtù e nessuna controindicazione? In realtà, qualche piccolo lato negativo esiste eccome. Il più evidente? La loro scarsa digeribilità: i funghi sono poco digeribili perché contengono una fibra (la micocellulosa) che resiste agli acidi dello stomaco.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}