• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

4.300 visite

Fobie, ecco le 6 più assurde

Il terrore delle automobili, la paura dei vestiti, il timore di vedere i propri capelli sul cuscino, la fifa per… la suocera. Ecco le cause ed i rimedi (quando ci sono).

Fobie, ecco le 6 più assurde

Avere una fobia significa temere un oggetto specifico o un animale, un elemento come l’acqua, una situazione (trovarsi in un ascensore o su un ponte) o un’attività (andare al lavoro).

Si calcola che almeno una persona su dieci ne abbia sofferto almeno una volta nella vita.

Nelle donne sono più frequenti e si manifestano prima. Qualche esempio? Il calciatore David Beckham è ossessionato dalla simmetria: ogni cosa (quadri, posate, scarpe ai piedi del letto) dev’essere sempre perfettamente allineata.

La star di Hollywood Cameron Diaz si lava le mani cento volte al giorno e arriva ad aprire le porte con i gomiti per non sporcarsi toccando le maniglie.

Nicole Kidman non è mai riuscita a superare il suo terrore per le farfalle.

Lo spettro delle paure inconsce
Tutti hanno sentito parlare della paura di volare o della claustrofobia. Ma esistono fobie rare, molto strane per non dire addirittura assurde. Quali sono? Passiamone in rassegna alcune davvero sorprendenti.

  • La fobia dei vestiti – Chi soffre di questo tipo di fobia vorrebbe vivere sempre senza abiti. Attenzione, però: non è un nudista. Di solito, indossa vestiti molto ampi o di misure molto grandi.La causa: una trauma nella vita di tutti i giorni, per esempio una dermatite allergica a causa di certi tessuti. La cura: psicoterapia, ipnoterapia.
  • La suocera-fobia – Questo tipo di fobia è una paura irrazionale ed eccessiva della propria suocera. Può dipendere da un’esperienza intensamente negativa vissuta in passato. Ma può anche spuntare dal nulla, apparentemente senza motivazioni.
  • La veicolo fobia – E’ la paura delle automobili e dei veicoli in genere, che provoca attacchi di panico e ansia alla sola vista delle quattro ruote.La cura: la terapia energetica (che si basa sul convincere il paziente che è in grado da solo di individuare in sé l’energia sufficiente per spazzare via ogni problema dalla sua mente) si è dimostrata molto efficace nel trattamento di questo tipo di fobia.
  • La tricofobia, la paura di perdere i capelli – Il paziente affetto da questa forma di fobia, ha il terrore della vista dei suoi capelli caduti sui vestiti o sul cuscino, o anche di toccare i capelli oppure che qualcuno gli tocchi le chiome. Vede capelli dappertutto.
  • Efebofobia, la paura dei giovani – Adolescenti e ragazzi in genere sono visti, da chi ha questa fobia, come motivo di terrore puro. Per questo motivo, il paziente efebofobico evita cinema, parchi e tutti gli altri luoghi dove potrebbe imbattersi nei giovani. Di solito, tende a isolarsi e preferisce restare chiuso in casa.
  • Scopofobia, la paura di essere guardati – Un’intenso e irrazionale timore di essere guardati, che induce chi ne soffre a evitare luoghi ampi e affollati come i centri commerciali. 
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}