• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

766 visite

Fingere l’orgasmo non aiuta lei

Ci sono particolari condizioni psicologiche che renderebbero la donna insicura, con conseguente difficoltà a lasciarsi andare e provare piacere. Quali? Uno di questi è il mito dell´orgasmo simultaneo. Nei film si vedono sempre partner che gemono di piacere nello stesso istante. In realtà, nella vita di tutti i giorni, l’orgasmo simultaneo è un jolly che capita una volta ogni tanto. Trasformare il piacere simultaneo in un mito, è un ottimo modo per non averlo affatto.

Durante l’amore non fatevi assillare dall’idea di dover per forza raggiungere l’orgasmo. In questo modo si crea una tensione che rende l’eccitazione quasi impossibile. Ma se poi il piacere non arriva davvero come comportarsi? Alla domanda "Hai mai finto un orgasmo?", 46 italiane su 100 rispondono di sì. Si tratta di una pessima strategia, perché prima o poi si viene scoperte. E quando l’orgasmo arriva davvero, lui non ci crede più.

Secondo poi  la tesi conclusiva di uno studio realizzato da un’équipe di ricercatori statunitensi della Temple University,  le donne fingerebbero l´orgasmo per insicurezza, paura dell´intimità  o comunque per cercare di compiacere il proprio uomo. L’indagine, realizzata attraverso le interviste a 366 donne tra i 18 e i 32 anni, ha potuto appurare le ragioni della finzione e le conseguenti sensazioni e ripercussioni nell’intimità sessuale. I ricercatori hanno così notato due principali motivazioni: per alcune donne simulare l’orgasmo era ormai una consuetudine necessaria per mascherare la mancanza d’intesa con il proprio partner; per molte delle altre, il problema era nel non riuscire a provare piacere dal rapporto sessuale, una circostanza che creava un forte imbarazzo da mascherare in qualche modo, dunque anche fingendo.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}