• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

5.921 visite

Febbre  in estate?  Ecco che fare se il virus  ci insegue anche con il caldo

febbre in estate
La febbre  in estate non è affatto una rarità e l’idea che il virus dell’influenza,  mal di gola, mal di testa, mal d’orecchio, insomma tutti quei malanni che siamo abituati ad incontrare d’inverno, d’estate sia svanito è del tutto fuori  luogo.
La prova? Solo se si considerano i virus intestinali, secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano,  sono 70 mila gli italiani che rimangono a letto  ogni settimana, 280 mila al mese, 840 mila per tutta la durata della stagione estiva.
 Il punto è che se la febbre ci colpisce d’inverno, psicologicamente siamo più tolleranti nell’affrontarla, perché fuori fa freddo, perché  è diffusa,  magari perchè ce ne stiamo qualche giorno a casa senza studiare o lavorare, insomma, sottrae più tempo al dovere che al piacere. Mentre se la febbre ci colpisce d’estate  la sopportiamo meno  perchè sottrae tempo al piacere  più che al dovere.
Ma quali sono le principali cause delle febbri estive? Sono 4:
  1. insolazione: una eccessiva  e prolungata esposizione ai raggi solari , soprattutto senza adeguata protezione della testa e  anche nelle ore più calde, espone a febbri anche alte;
  2. sbalzi di temperatura:  sono di due tipi, climatici, ovvero il passaggio  per esempio in un viaggio, da un clima molto più freddo ad uno molto più caldo; oppure determinati dal’uomo, come accade nell’uso dei condizionatori, a casa dell’aria troppo fredda e spesso viziata prodotta dai condizionatori,
  3. stress:  la componente psicosomatica è all’origine spesso di molte febbri attraverso il sistema immunitario. Ad esempio, la fine della scuola comporta nei bambini un brusco cambio di abitudini, mentre gli studenti sono impegnati negli ultimi sforzi per le sessioni d’esame estive. L’ambiente esterno di certo non aiuta, mettendo a dura prova i sistemi di autoregolazione dell’organismo, generando sintomi come: debolezza; raffreddore;  naso chiuso;  mal di gola;  febbre che raggiunge anche i 39 gradi;  dolori articolari e addominali;  disturbi gastrointestinali. 
  4. Virus: sono i più subdoli perché possiamo prenderli frequentando luoghi affollati (durante le vacanze, o nei viaggi per arrivarci) oppure negli aerei  a causa dei sistemi di filtraggio dei circuiti dell’aria condizionata che non tutte le compagnie mantengono con le  necessarie attenzioni, soprattutto nelle low cost.

 

Leggi anche: La febbre può venire anche a luglio. Ecco come

Che fare
Le regole da seguire per affrontare queste fastidiose ( ma spesso non preoccupanti) situazioni di febbre sono 6:
  1.  Evitare interventi scriteriati: affrontare la febbre con calma e lucidità, in modo da evirare stress inutili.
  2. Scoprirsi il più possibile, soprattutto quando la febbre è molto alta, in modo da lasciar “respirare” il corpo, Applicare ghiaccio o un fazzoletto bagnato in acqua fredda su polsi, caviglie e fronte;
  3. Stendersi a letto;
  4. Non consumare pasti abbondanti, prediligendo piccoli bocconi e cibo facile da digerire.
  5. Riposo;
  6. Idratarsi: idratazione e alimentazione equilibrata sono il modo il migliore per riprendersi in fretta, dato che la sintomatologia, in soggetti sani, si risolve senza complicazioni in pochi giorni.
Tag:
Bruno Costi
direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}