• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

3.825 visite

Farina, come scegliere quella giusta fra le 9 più diffuse

Scopri pro e contro di tutte le varietà in commercio

Magari l’abbiamo usata chissà quante volte, la farina: per preparare pane, pasta o pizza, dolci o anche solo impanature. Ma di sicuro senza fare troppo caso al tipo. Perché, come accade alla stragrande maggioranza dei non patiti di forni e fornelli, non sapremmo neanche dire se esistono più di due o tre tipi di farine.
Ecco il punto: sapete quante varietà si possono trovare sul mercato? Addirittura 12. Noi proviamo ad aiutarvi nella scelta di quelle più diffuse.

 

FARINA 0
Di grano tenero, con più glutine rispetto a quella tipo 00, è la farina più adatta a fare il pane.
Per cosa utilizzarla: ottima per il pane (francese e ciabatta), per la pasta fresca, per quella all’uovo, per i dolci e per la besciamella. Si usa anche per l’impanatura.
Controindicazioni: celiaci e intolleranti al glutine dovrebbero evitarla.

 

 

Sai come curarti con il pane? Scoprilo con IL TEST

 

FARINA 00
Farina di frumento, deriva dall’estrazione della parte centrale del chicco di grano, dalla macinazione del grano tenero. È quella più comune, più raffinata (cioè con meno crusca ) rispetto alla farina 0.
Per cosa utilizzarla: ottima per il pane (francese e ciabatta), ma per il fatto di contenere poco glutine, l’impasto può risultare poco elastico. Si usa anche per l’impanatura.
Controindicazioni: celiaci e intolleranti al glutine dovrebbero evitarla.

 

 

FARINA DI SEGALE
Proviene principalmente dalla parte centrale del chicco e quando la percentuale di estrazione giunge al 100% si ottiene la cosiddetta farina integrale, cioè uno sfarinato comprensivo anche di crusca.
Per cosa utilizzarla: sostituita alla farina bianca si ottiene il pane integrale. Può essere utilizzata anche per preparare le brioches.
Controindicazioni: vietata a chi è intollerante al glutine.

 

Leggi anche: Farina, come scegliere quella giusta

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}