• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

29.843 visite

Ernia inguinale, come si riconoscono i sintomi

Non sempre l’ernia si manifesta con sintomi evidenti: ecco i casi più comuni, i segni che possono far pensare di esser di fronte a un´ernia.

Non sempre l’ernia si manifesta con sintomi evidenti, perché  esistono anche delle forme asintomatiche, che possono non dare inizialmente disturbi e possono essere più o meno visibili.
Ma vediamo, nei casi più comuni, i segni che possono far pensare di esser di fronte a un´ernia:

  • un piccolo rigonfiamento in uno o entrambi i lati dell’inguine che possono aumentare in termini di dimensioni e che scompaiono quando si sta sdraiati perché l´intestino scivola avanti e indietro con la gravità;
  • dolore e gonfiore sono localizzati a volte nella zona dello scroto negli uomini; 
  • se l´ernia è di piccole dimensioni le sensazioni  riportate più spesso sono: bruciore, sensazione di peso e dolore (nella regione inguinale) soprattutto quando si sta in posizione eretta, ma può comparire anche se si sta seduti in macchina durante la guida; 
  • fastidio o dolore dovuto alla tensione durante il sollevamento di pesi o l’esercizio fisico. Mettendosi a riposo la situazione migliora; 
  • non sempre la tumefazione è visibile se non quando aumenta la pressione all´interno dell’addome, con colpi di tosse, stipsi, sforzi fisici. 

Il paziente dovrebbe rivolgersi al medico appena riscontrerà uno di questi segni, anche se inizialmente poco evidenti. Il medico farà una diagnosi basandosi su: la valutazione dei sintomi; una visita medica che prevede la palpazione; un´eventuale ecografia mirata. 
Se il paziente non vuole operarsi subito è importante un controllo periodico per evitare che l´ernia si possa ingrossare e dare delle complicanze a volte gravi come: 
lo strozzamento: si verifica quando c´è uno strangolamento sul segmento di intestino che lo attraversa e sulle strutture che garantiscono l’afflusso di sangue. Il rischio è l´occlusione intestinale e necrosi dell’intestino con peritonite. In questo caso si deve intervenire di urgenza per spingere l´intestino fuori del canale inguinale, nell´addome e stringere l´apertura in modo tale che l´ernia non riesca a riformarsi; 
l´intasamento: si manifesta nelle ernie inguinali quando i visceri erniati sono costituiti da tratti intestinali che contengono feci formate. In questi casi può succedere che la massa fecale si accumuli progressivamente nel tratto intestinale erniato ostruendolo. Si verifica una occlusione intestinale, che si manifesta con dolore addominale intenso, nausea e vomito e, anche in questo caso, l´intervento chirurgico deve essere tempestivo.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}