• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.796 visite

Emicrania? Ecco i farmaci che peggiorano le cose

Invece di risolvere la cefalea, l’abuso di medicine causa il mal di testa cronico. E devi disintossicarti. Una guida per orientarsi nella jungla degli analgesici.

Il mal di testa può avere mille cause. Ma ce n´è una in particolare che negli ultimi tempi sta preoccupando i medici: la cefalea da abuso di farmaci, l´emicrania dovuta alle troppe medicine. Il meccanismo è sempre lo stesso: chi soffre di mal di testa si autoprescrive i farmaci, addirittura raddoppiando le dosi quando quelle indicate sulla confezione (o più raramente prescritte dal medico) non sembrano abbastanza. Il risultato? Il problema, invece di scomparire, si accentua.

Il circolo vizioso

La maggior parte delle cefalee cronicizzate che arriva ai Centri Cefalee (dal 20% al 40% di tutti i mal di testa) è legato ad abuso di farmaci. È quanto è emerso all´ultimo convegno dell´Anircef (Associazione neurologica italiana per la ricerca sulle cefalee).

Comportamenti questi che “paradossalmente portano alla cronicizzazione di una cefalea episodica”, spiega Eros Carmelo Malara, presidente del congresso. “Vedo pazienti che arrivano ad assumere anche 15 antidolorici al giorno in alcuni casi”.

Leggi anche: Allergia ai farmaci, come riconoscerla e cosa fare

Ma più antiinfiammatori si prendono, più si abbassa la soglia del dolore, innescando ´´così un pericoloso circolo vizioso, perché il paziente, avendo una sopportazione minore, continuerà a prendere ancora più farmaci. Tutto questo di solito accade quando manca la diagnosi e il parere di un medico”.

Un fenomeno destinato a crescere

Una volta entrati in questa spirale, è difficile liberare i pazienti da questa dipendenza. “Prima si tenta in ambulatorio”, fa notare Malara, “ma se non ci si riesce, allora bisogna procedere con il ricovero in ospedale, anche in day hospital per una giornata, sottoponendo i pazienti ad alcuni farmaci per endovena, in modo da disintossicarli o disabituare il loro organismo al bisogno dei farmaci di cui hanno abusato”.

I cibi che annullano l’effetto dei farmaci. GUARDA IL VIDEO

E a fare un uso scorretto di farmaci sono tutti, indipendentemente dal sesso, dall´età, e dal Paese. È di qualche giorno fa infatti una rilevazione del Nice (National Institute for Clinical Excellence) inglese, secondo cui in Gran Bretagna oltre un milione di persone soffre di mal di testa completamente prevenibili, perché causati da “overuse” di antidolorifici.

Una persona su 50 prende farmaci come paracetamolo, ibuprofene e aspirina per oltre 15 giorni al mese, innescando questo circolo perverso.

Il problema è che si tratta di un fenomeno destinato a crescere, visto che i casi di emicrania nel mondo continuano ad aumentare.

In Italia ad esempio ogni anno l´incidenza di nuovi casi di emicrania è pari al 12% in più, dove le donne in età fertile ne soffrono quattro volte più degli uomini.

Leggi anche: Mal di testa, 5 cause che non ti aspetti

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}