• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

8.253 visite

Eiaculazione precoce, ecco gli esercizi giusti

La ginnastica ad hoc è una nuova arma efficace contro i problemi di velocità sotto le lenzuola

Il sesso troppo veloce o come viene definito con termine scientifico, l’eiaculazione precoce è un problema per 1 italiani su 5, perchè ne soffrono circa 3 milioni e mezzo di uomini, esattamente il 22,3% ma a dirla così si indica solo una parte del problema.

Perchè se il problema per lui è quello di  “arrivare” troppo presto e veder svanire  nello spazio di un istante il piacere  dell’orgasmo che potrebbe durare molto di più, il problema per lei è anche più grande, perchè il piacere dell’orgasmo non arriva mai.

 

Leggi anche: Cos’è  l’eiaculazione precoce, ovvero quando l’uomo arriva troppo presto

 

L’eiaculazione precoce è infatti un disturbo spesso difficile da trattare, ma un nuovo studio dimostra che un’arma all’apparenza semplice può invece rivelarsi risolutiva: è la ginnastica mirata per lui.

A rivelarlo è una ricerca presentata all’ultimo congresso europeo di urologia di Stoccolma, coordinata dall’urologo Antonio Pastore dell’università La Sapienza di Roma, e in corso di pubblicazione sulla rivista scientifica “Journal Therapeutic Advances in Urology”.

 

Leggi anche: 7 consigli per vincere l’eiaculazione precoce

 

Lo studio
L’indagine dimostra per la prima volta che particolari esercizi dei muscoli del pavimento pelvico possono essere efficaci nel trattare l’eiaculazione precoce cronica.

Questo disturbo è definito dalla Società internazionale di medicina sessuale come una eiaculazione che si determina nell’arco temporale di un minuto.

Il team di ricercatori coordinato da Pastore ha esaminato un gruppo di 40 uomini tra i 19 e i 46 anni, affetti da eiaculazione precoce.

Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad esercizi dei muscoli pelvici per un periodo di 12 settimane durante il quale è stato pure misurato il tempo per raggiungere l’orgasmo.

 

Leggi anche: Sesso, quando dura per gli italiani il rapporto sessuale

 

In precedenza i soggetti esaminati avevano provato varie terapie senza però avere miglioramenti significativi.

All’inizio della sperimentazione, il tempo medio per raggiungere l’eiaculazione di 31,7 secondi, ma alla fine delle 12 settimane di esercizi tale tempo aveva raggiunto i 146,2 secondi.

Trentatré dei 40 soggetti testati hanno ottenuto miglioramenti in 12 settimane e solo 5 uomini non hanno riscontrato migliorie.

In passato questo tipo di esercizi muscolari erano stati testati in relazione all’impotenza temporanea, ma questa è la prima volta che vengono utilizzati per un periodo maggiore in uomini affetti da impotenza cronica.

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}