• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

19.810 visite

Uomo bastardo? Ecco perché piace alle donne

Narcisisti e impulsivi, contorti e machiavellici, garantiscono una vita sessuale avventurosa. E fanno breccia nel cuore delle donne

Uomo bastardo? Ecco perché piace alle donne

Lo stereotipo dell´uomo “bastardo” che piace alle donne sembra non essere ancora tramontato ed, anzi, ora ha il conforto di alcuni studi universitari che hanno cercato di dare una spiegazione ad un fenomeno che irretisce così tante donne, nonostante i profili realmente antisociali  del maschio che risponde a questa descrizione.

Tutto  nasce da due studi statunitensi condotti da psicologi evoluzionisti delle università del New Mexico e di Peoria, nell´Illinois,  che hanno sintetizzato i risultati  di evidenze tratte su oltre 35 mila persone di 57 diverse nazioni.

Ebbene, le ricerche hanno raccolto consensi scientifici importanti, tanto da essere pubblicate su una delle più autorevoli riviste scientifiche del mondo “New Scientist”).

 

Leggi anche: Il vampiro sociale, ti sta accanto ( e non lo sai)

 

La prima conclusione alla quale ha condotto una ricerca così su vasta scala e in tutte le popolazioni del mondo è che  quello che appare uno stereotipo, ovvero una  verità solo formale, in realtà è una verità reale e soprattutto  indipendente dagli usi e dalle abitudini di singole culture o popolazioni, in quanto  l’uomo bastardo risulta attraente e più eccitante per le donne di ben 57 diverse nazioni, dunque una caratteristica globalizzata.

La seconda conclusione dello studio è che i belli e “bastardi” alla James Bond, conquistano la maggior parte delle donne a suon di comportamenti che, in gergo tecnico, vengono definiti antisociali: dal super-narcisismo all´impulsività eccessiva o all´essere contorti e machiavellici.

 

Leggi anche: 4 motivi validi per non amare un narcisista

 

Si tratta, come è facile intuire,  di tratti della personalità che non hanno nulla di commendevole né di edificante e che, portati all´eccesso, delineano una figura di persona fortemente antisociale destinata a una vita violenta ed emarginata.

Il punto è capire perché la figura dell’uomo “genio del male” esercita così tanta attrazione  e fanno breccia nei cuori della maggior parte delle donne.

La risposta dei ricercatori abbraccia un immaginario che costituisce l’altra faccia dell’interpretazione evoluzionista. Quest’ultima, spiega l’attrazione della donna per un uomo sulla base di istinti biologico che incorporano la predisposizione della donna a scegliere l’uomo che possa essere protettivo per la prosecuzione della specie: da cui scelte per uomini barbuti, forti,  ricchi, fortemente virili, affidabili.

 

Leggi anche: Il disturbo antisociale della personalità

 

Nl caso dell’uomo bastardo, tali caratteristiche non sarebbero presenti ma in compenso è presente un’altra caratteristica che , lontano dalla teoria evoluzionista, sposa invece  quella psicologica comportamentale in vase alla quale l’uomo bastardo  riuscirebbe quanto meno a garantire una vita sessuale più che avventurosa e varia e diventando alla fine  attraente benchè inaffidabile.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}