• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

22.272 visite

Bronchite? 9 sintomi per riconoscerla

La bronchite comincia come un raffreddore, ma se si aggiunge la tosse… Ecco i sintomi per capire se è virale o batterica, la dieta per evitarla e i farmaci per curarla.

sintomi della bronchite

Il naso gocciola,  la gola fa male, l’appetito  cala,  scorre qualche brivido lungo la schiena che si accompagna a dolori muscolari  e una febbriciattola da 37 e mezzo a 38 e mezzo:  è l’inizio di un banale raffreddore di quelli che nei mesi più freddi dell’inverno colpiscono milioni di persone.
Ma poi arriva la tosse, prima secca, poi più grassa  con la quale cominciamo ad espellere muco prima biancastro poi sempre più giallognolo-verde.
Signore e signori ecco a voi la bronchite, il compagno di viaggio  che  non vorremmo mai avere  in inverno, che colpisce 600 milioni di  persone nel mondo,  e che  rovina  la salute  e la qualità  di vita anche per un mese a  circa 4 milioni di italiani.

 

Cos’è la bronchite

 

Nessuno di noi   è  mai sfuggito alla infezione ai bronchi, l’ infezione delle vie aeree (bronchi),  che ha  generalmente due cause:  la più frequente ,  (circa nel 90% dei casi) è causata  da una infezione  o di virus o di batteri, e si chiama appunto bronchite infettiva;  più raramente (10% dei casi) da polveri o sostanze ( cloro,  acidi , ammoniaca zolfo)  che respiriamo in ambienti particolari o per inquinamento o per motivi  di lavoro in ambienti industriali.
Nella stragrande maggioranza dei casi, la patologia  ha due origini:

  •  la bronchite  virale  è provocata da virus, quei micidiali micro parassiti che infettano le cellule dell’organismo succhiandone il nutrimento  e producono una varietà di malattie;
  • la bronchite batterica provocata dai batteri, ovvero dalle più piccole forme di vita del mondo ( in una tazzina da caffè ce ne possono state 20 miliardi)  che a si distinguono a seconda della forma (bacilli, vibrioni cocchi ecc) o  a seconda del modo in cui si riproducono ( streptococchi, stafilococchi) e sono spesso associati  a sporcizia e malattie;  ma  in altri casi sono molto utili, per esempio quelli che generano lo yogurt o che proteggono la flora intestinale.

 

Bronchite virale o batterica

Le cose cambiano a seconda se  il colpevole è un virus o un batterio, soprattutto per il modo di combatterla.  Cambiano i farmaci da prescrivere  a seconda dell’origine batterica o virale  e potrebbe essere inutile o dannoso combattere indistintamente le due forme con qualsiasi tipo di farmaco, come avviene per esempio con gli antibiotici.

 

Leggi: Come curare  la bronchite: gli antibiotici non sempre sono adatti.

 

La tosse è importante per  capire l’infezione ai bronchi. Perché, benché ci dia fastidio, è proprio la tosse il modo più efficace per liberare i bronchi. Se  il muco o catarro che eliminiamo tossendo è di colore giallo-verde, significa che l’ infezione ai bronchi è  complicata da una infezione batterica. A volte, virus e batteri sono presenti entrambi , e  agiscono uniti , come per esempio accade a volte con il virus dell’influenza, ed è per questo che talvolta  non riusciamo a curarla subito efficacemente con il farmaco giusto.

 

Leggi: Influenza: fai l’autodiagnosi on line.

Quando arriva la tosse  la bronchite entra nella fase acuta; se la febbre sale e arriva a 38 e mezzo 39 e mezzo,  diventa più grave ed occorre intervenire con i farmaci.

 

I sintomi della bronchite

L’ infezione ai bronchi si preannuncia con una scala crescente di sintomi che spesso possono essere confusi con un semplice raffreddore.

 

Leggi: Cause e rimedi delle malattie respiratorie

 

Eccoli:

  1. naso gocciola
  2. mal di gola
  3. inappetenza
  4. brividi
  5. dolori muscolari
  6. febbriciattola ( 37,5°-38,5°)
  7. tosse secca
  8. tosse grassa
  9. febbre elevata (38,5°-39,5°)

Se li avvertite dunque, meglio non sottovalutarli per poter adottare  la cura giusta.

 

Leggi:  Come curare la bronchite.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}