• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.353 visite

E’ arrivato un figlio. E adesso?

Come può influire la nascita di un bambino sui rapporti tra i vari componenti della famiglia

Come cambia la coppia con il nuovo arrivato
Ci sono pochi elementi in grado di modificare un rapporto di coppia come l’arrivo di un figlio. E’ come uno spartiacque tra due fasi ben distinte: c’è e ci sarà sempre un “prima” e un “dopo”. Prima, la coppia è in equilibrio; dopo, i partner si troveranno a dover fare i conti con la necessità di conciliare ruoli e nuovi compiti sempre più onerosi e difficili da fronteggiare. Senza contare gli interventi degli altri membri della famiglia, che vorranno comunque dire la propria su praticamente ogni aspetto della vita del nuovo arrivato.

E poi ci sono le mille incombenze della vita quotidiana: il lavoro,la frenesia delle cose da fare, i rapporti con gli amici… Con l’arrivo di un figlio, i genitori sono quasi costretti a modificare radicalmente il rapporto tra loro e quello con il mondo esterno. Su tutto, poi, domina spesso un certo senso di inadeguatezza nei confronti dei propri nuovi compiti, che finisce per influire negativamente su tutta la serenità del rapporto.

L’ideale sarebbe che sia la neomamma che il neopapà riuscissero a coordinarsi al meglio nell’accudire il piccolo. Ma non sempre ci si riesce, per i motivi più disparati: servono fiducia reciproca, nessuna gelosia o invidia del ruolo, spirito di sacrificio. E non è facilissimo, oggi, che all’interno di una relazione di coppia tutti questi elementi sopravvivano indenni all’arrivo di un figlio.

C’è poi la questione relativa alla sessualità. Un figlio indebolisce questo aspetto, perché specie nei primissimi tempi tutte le energie e i pensieri sono rivolti a lui. In questa prima fase, è fin troppo comprensibile. Se però ciò si trasforma in un problema cronico, il rischio che si estenda ad altri campi fino a contagiare e mettere a rischio l’intera relazione, è molto alto.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}