• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

8.254 visite

Dopo il parto, i sintomi che non devi trascurare

Dopo il parto, i sintomi che non devi trascurare:come affrontare e risolvere i piccoli problemi successivi alla nascita.

La nascita di un bambino è tra gli eventi più emozionanti per una mamma, ma è anche un momento di stress fisico ed emotivo, soprattutto se è alle prime armi. Stanchezza e depressione sono due sintomi che possono comparire dopo aver partorito, vediamo quali sono le cause scatenanti e come risolvere.

La stanchezza dopo-parto
Tornare in forma dopo il parto ha bisogno del suo tempo. Dopo la nascita del bambino inizia il periodo definito puerperio. Cos’è? E’ quel lasso di tempo che dura 40 giorni e che va dalla nascita del bambino fino alla comparsa della prima mestruazione. Questo è un periodo delicato in cui la mamma deve affrontare alcuni disturbi sia fisici che psicologici, che vanno dalla semplice stanchezza  alla depressione.

Le cause della stanchezza post parto
La nascita del bambino è, senza dubbio, un momento di grande felicità ma anche una grande fatica che la mamma deve affrontare. Vediamo quali sono le cause e come risolvere.
Dal punto di vista fisico, i novi mesi di gravidanza hanno messo a dura prova l’organismo della mamma. Già avrebbe potuto perdere vitamine e sali minerali. Il parto ha peggiorato la situazione.

 

Leggi anche: Ecco l’analisi che dimezza le morti in sala parto

 

Cosa fare
Se avete chili di troppo non è questo il momento di mettersi a dieta, mentre è importante seguire un’alimentazione varia e ricca di tutti quegli ingredienti per fare il pieno di energia.

 

La depressione della mamma

Cos’è
La depressione post parto, nota come baby blues, colpisce in genere dopo la prima settimana dal parto, quando si pensa che ci si debba sentire felice e serena. Non è così. La maggior parte delle neomamme si sente irritabile, ha spesso crisi di pianto, di ansia nei confronti del bambino e rabbia verso il partner. Altre donne, invece, possono soffrire di problemi alimentari e, altre ancora ma in misura minore e nei soggetti che ce l’hanno in forma latente, possono andare incontro a una vera e propria crisi depressiva.

Le cause
Le crisi di pianto e l’umore nero dipendono dal brusco sbalzo ormonale a cui la dona è soggetta. Dopo la nascita del bambino. I livelli degli ormoni (estrogeni, progesterone e cortisolo) che erano a livelli alti durante la gravidanza, calano rapidamente dopo il parto.

Cosa fare
Prima di prendere provvedimenti conviene aspettare che gli ormoni si stabilizzino, ma se il disturbo continua ecco cosa puoi fare:

  • parlare del tuo stato d’animo con le persone che ti sono più vicine;
  • il partner, i genitori, gli amici;chiedere aiuto al partner nella cura del bambino;
  • chiedere aiuto per essere sollevate nelle faccendedomestiche;cercare, appena possibile, di riposare un po’;
  • trovare ogni giorno un po’ di spazio per sé stesse, magari per leggere qualche pagine di un libro o per uscire a fare due passi.

Se la depressione permane è necessario rivolgersi a uno specialista che deciderà, eventualmente, per una cura a base di psicofarmaci.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}