• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.756 visite

Birra, la cosa sorprendente che succede alla seconda bottiglia

Studio Usa: 2 bicchieri di birra consentono di risolvere facilmente quiz e rompicapo ma se ne beviamo troppo ci sono effetti collaterali che nessuno ci racconta.

C’è una notizia sulla birra  che va presa con le dovute cautele, nonostante arrivi da un´importante università statunitense, perchè potrebbe portare a risultati esattamente opposti  alla ricerca che l’ha scoperta.

la ragione?  Perché letta superficialmente, potrebbe ridursi a un invito a bere alcol per essere più intelligenti. Dunque, vale la pena di leggerla con attenzione: l´alcol non va certo demonizzato, ma è ormai chiaro che va assunto in dosi moderate, altrimenti diventa molto pericoloso per la salute.

 

Dove nasce la creatività  da birra

 

Un´équipe di psicologi dell´Università dell´Illinois a Chicago, ha condotto uno studio che ha dimostrato come bere birra contribuisca a rendere gli uomini più creativi.

Durante la ricerca, infatti, i soggetti presi a campione dagli psicologi sono riusciti a risolvere più agevolmente dei rompicapo,  dopo aver bevuto un paio di bicchieri.

Il team ha coinvolto 40 uomini giovani e sani, sottoponendoli a una serie di quiz: quelli che avevano bevuto l´equivalente di due birre, sono risultati più bravi nel risolvere i rompicapo rispetto ai sobri.

 

 

Leggi anche: Birra, gli effetti collaterali che nessuno racconta

 

In particolare, i bevitori hanno risolto il 40% in più di problemi rispetto agli altri, e lo hanno fatto più rapidamente: in media – si legge nello studio pubblicato sulla rivista scientifica “Consciousness and Cognition” – impiegando 12 secondi a quesito, contro i 15,5 secondi di chi non aveva bevuto. ( segue)…

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}