• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.650 visite

Dolore nei bambini, 10 regole per affrontarlo

Dolore nei bambini, 10 regole per affrontarlo: come trattare al meglio un problema troppo spesso sottovalutato

Mai sottovalutare il dolore nel bambino. Sia come genitori, sia soprattutto se si è medici. È la raccomandazione degli specialisti dell´Unità operativa di Oncologia pediatrica del policlinico Agostino Gemelli di Roma con il Dipartimento di Scienze pediatriche medico chirurgiche e di Neuroscienze dello sviluppo. Che hanno reso noto un decalogo che semplifica le nuove norme in pediatria che facilitano il trattamento del dolore. Dieci regole che enunciano sinteticamente gli aspetti del problema, in modo da offrire una facile consultazione ai diversi operatori del campo pediatrico.

 

Leggi anche: Come svegliare i bambini nel modo giusto

 

Come affrontare il dolore nei bambini
Secondo Riccardo Riccardi, responsabile dell´Unità operativa di Oncologia pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma, “si tratta di brevi note, elaborate con l´obiettivo di sintetizzare le conoscenze mediche e l´approccio terapeutico del dolore dei bambini. Ciascuno dei punti elencati dà delle indicazioni, comprovate da pubblicazioni internazionali, sull´atteggiamento e il rapporto del medico rispetto al dolore e sull´importanza di operare un intervento condiviso nel caso del dolore pediatrico, sia per quanto riguarda la sua valutazione, che per le terapie da mettere rapidamente in atto”. Ma ecco il decalogo.

  • Il dolore severo, non trattato, può causare danni fisici e psicologici.
  • Il livello del dolore di un bambino è un segno vitale essenziale e, come tale, deve essere regolarmente rilevato e registrato in cartella clinica.
  • I neonati avvertono il dolore sin dalla nascita e già durante la vita intrauterina.
  • I bambini avvertono il dolore in maniera più intensa rispetto agli adulti, per immaturità dei centri di integrazione spinale e centrale.

 

 

Leggi anche: Il bambino fa troppi capricci? Ecco  la causa che i genitori spesso non capiscono

 

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}