• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

865 visite

Febbre di Rift Valley

La febbre di Rift Valley è una malattia che interessa soprattutto gli animali, ma che talvolta colpisce l´uomo. La malattia fu individuata per la prima volta nella valle del Rift, in Kenia, nel 1930, allorché vi fu un´epidemia fra gli ovini. E´ una malattia di natura virale. Il virus appartiene al genere Phlebovirus e alla famiglia dei Bunyaviridae e viene trasmesso dalla puntura di zanzare del genere Aedes. In realtà l´uomo può essere infettato sia con la puntura di zanzare infette che mediante il contatto con il sangue o i fluidi corporei degli animali o di pazienti infetti. Molti sono gli animali suscettibili di essere infettati: bovini, ovini, caprini ecc...Negli animali la malattia può avere un´alta mortalità e un´alta incidenza di aborto. Dopo un periodo di incubazione di 2-6 giorni si ha comparsa rapida di sintomi simili all´influenza: febbre, mal di testa, dolori muscolari e mal di schiena. In una percentuale più bassa si manifestano quadri clinici diversi e più gravi quali: retiniti emorragiche che esitano in parziale perdita della vista, sindromi neurologiche quali meningoencefalite e sindromi emorragiche con vomito, diarrea ematica, petecchie sulla pelle, itterizia. La mortalità è più elevata nei pazienti con sindrome emorragica (circa il 50%). In totale la mortalità è però inferiore all´1% dei casi. La diagnosi può essere fatta con la ricerca degli anticorpi nel sangue o con test di ricerca degli antigeni virali. Non esiste una terapia specifica, ma solo una terapia sintomatica e di supporto. La prevenzione si basa su: a) programmi di vaccinazione degli animali. Esistono due tipi di vaccino per uso veterinario: un vaccino a virus vivi e un vaccino a virus uccisi. Per l´uomo è stato approntato un vaccino inattivato, ma esso non è ancora disponibile. b) adeguate misure di protezione per evitare il contatto con il sangue o i fluidi corporei di animali infetti e adeguate barriere protettive per evitare il contatto con materiale infetto proveniente da persone ammalate. c) lotta alle punture delle zanzare.

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}