• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

965 visite

Febbre di Omsk

E´ una malattia virale trasmessa da zecche, diffusa in Siberia nella regione di Omsk e di Novosibirsk. Il virus responsabile di questa malattia è simile a quello che determina la febbre emorragica della foresta di Kyasanur (India). Il vettore del virus è la zecca (Demacentor pictus e Dermacentor marginatus) che funge da trasportatore del virus da roditori, quali il topo muschiato, e l´uomo. Dopo un periodo di incubazione di 3-8 giorni la malattia si manifesta con febbre, cefalea, dolori al dorso e agli arti, spossatezza. e con la comparsa di una eruzione sul palato molle. Nei casi più gravi si hanno emorragie soprattutto a carico delle gengive e dell´apparato digerente. La mortalità è bassa, ma la guarigione è piuttosto lenta; il periodo febbrile può durare infatti fino a 2 settimane. Non esiste un vaccino efficace e la terapia è soltanto sintomatica. La prevenzione è basata sulla lotta alle punture di zecche mediante:

a) repellenti da applicare sulle parti scoperte degli arti

b) vestiario adatto durante le escursioni

c) educazione sanitaria.

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}