• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.691 visite

Dimentichi i nomi? La memoria non c’entra. Ecco perchè..

Dimentichi i nomi? La memoria non c’entra. Dietro l’incapacità di ricordare, c’è soprattutto la mancanza di interesse. Ecco perchè.

dimentichi i nomi? la memoria non c'entra

È accaduto a tutti, almeno una volta nella vita. Qualcuno che si presenta a una festa, un incontro di lavoro o in qualunque altra occasione, e voi un attimo dopo già ne avete dimenticato il nome. Com´è possibile? Nel corso degli anni si è tentato di spiegare un fenomeno del genere nei modi più diversi: disattenzione momentanea, distrazione dovuta a fattori concomitanti esterni, memoria che vacilla… Ora salta fuori una possibile altra causa. Che non c´entra nulla con problemi collegati alla memoria.

 

La ricerca

Dimenticare i nomi delle persone potrebbe non avere a che fare con la capacità del cervello ma con una mancanza di interesse. È quanto sostiene una ricerca della Kansas State University, negli Stati Uniti.

La capacità di ricordare risiede dunque nell´interesse in un argomento o in una situazione: quanto più è alto, tanto più sarà probabile che quel ricordo si imprimerà nella memoria.

 

Memoria: Soffri di amnesie? Scoprilo con IL TEST

 

La spiegazione

Ma il fatto di non riuscire a ricordare nomi non significa non avere una buona memoria. “Alcune persone, generalmente coloro che sono socialmente più consapevoli, sono semplicemente più interessate alle persone e alle relazioni”, sostiene Richard Harris, professore di psicologia alla Kansas State University. “Sono più motivate a ricordare il nome di qualcuno”.

 

 

Quando ricordare conviene

La spiegazione di Harris vale soprattutto in professioni in cui è utile ricordare il nome delle persone, come in politica o nell´insegnamento. Le sue considerazioni sono partite da un gioco di geografia cui stavano partecipando alcuni studenti nel suo ufficio: Harris cominciò a nominare Paesi e capitali e gli allievi rimasero stupiti dalla sua conoscenza. Ben presto si rese conto che il suo ricordo non derivava dalla memorizzazione di una mappa, ma dalla sua passione per i francobolli e per la loro provenienza. “Ho appreso molte nozioni geografiche senza mai averle studiate”, ha detto.

 

Leggi anche: Vuoto di memoria: cosa ti volevo dire…?

Tag:
Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}