• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.821 visite

L’obesità? Colpa di…Di Maio, Berlusconi, Renzi, Grasso, Salvini, Meloni e D’Alema

Cosà la crisi di governo influisce sul peso e sui chili di troppo

L'obesità? Dipende anche dalla cattiva politica

…..unicamente la malattia conclamata a quella di impedire che soggetti sani si ammalino”.

 

Leggi anche:àObesità infantile, 12 regole per prevenirla

 

I danni dell’obesità
“L’eccesso di cibo – continua Carruba – si ripercuote sulla funzionalità di tutta una serie di organi, in particolare il cuore (con il rischio ictus e infarto del miocardio), i vasi (con l’ipertensione), il pancreas (diabete), il fegato (dislipidemie), il rene (insufficienza renale), il cervello (con rischi aumentati di malattie come l’Alzheimer) e perfino le ossa (osteoporosi).

Il paziente obeso ci metterà qualche anno, ma col tempo diventa un ammalato pluripatologico con costi lievitati per il Ssn”.
Ma l’obesità ha un prezzo anche in termini di aspettative di vita, incalza Carruba: “Accorcia la vita fino a 10 anni in media. Ed è dimostrato che cruciale è il ‘fattore tempo’, gli anni passati con i chili di troppo. PiA? il tempo passa, più si creano le condizioni che portano allo sviluppo di diverse malattie”.

 

 

L’obesità infantile

Questo, osserva, “A? molto preoccupante perchè l’Italia ha il primato europeo dell’obesità infantile, nel Belpaese al 12%.

Se si diventa obesi a 70 anni è un discorso, ma se questo avviene quando si è bambini le aspettative di vita si riducono ben più di 10 anni”.
La situazione è reversibile: “Ogni chilo perso è in grado di aumentare l’aspettativa di vita in maniera quasi lineare. Ma la diminuzione di peso deve essere stabile e definitiva”.

 

 

Leggi anche:àL’obesità si prevede già a 2 anni e si può intervenire

 

Lo scenario italiano oggi “non è confortante – prosegue Carruba – Il 37% della popolazione è in…….(segue)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}