• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.307 visite

Estetica, come sfruttare i chili in più delle Feste

Quel chilo in più messo su durante le Feste che generalmente ci costa sensi di colpa e ci costringe a seguire le diete potrebbe tornarci utile e costituire la nostra riserva di grasso anti rughe. Ecco perché e come si fa.

Dieta, come sfruttare la ciccia messa su nelle Feste

E’ stato calcolato che  durante le Feste  di Natale e Capodanno  mediamente gli italiani mettono su da 1 a 2 chili di  peso tutti a scapito della linea estetica. E la ragione è semplice: se  per mantenere inalterato il nostro peso dobbiamo ingerire non oltre le 2000-2500 calorie al giorno, durante le feste, tra antipasti, primi secondi, contorni, macedonie, dessert, vini, digestivi, frutta secca, torroni e panettoni superiamo il limite di almeno 1000 calorie che,  se non facciamo movimento, fanno appunto 1 chilo di ciccia accumulata generalmente lì: sulla pancia per gli uomini, sui fianchi per le donne.

Ma niente paura; quel chilo in più che generalmente ci costa sensi di colpa e un rimettersi a dieta dopo le Feste potrebbe tornarci utile e costituire la nostra riserva di grasso anti rughe. Perché la ricerca ha messo appunto una tecnica di riutilizzo del nostro grasso accumulato per farne una sorta di cassaforte dalla quale prendere ciò che serve alla pelle per contrastare l’invecchiamento, le rughe, il degrado estetico. Di che si tratta?

 

Come trasformare la ciccia nel miglior anti-rughe

Le parole magiche in questo caso sono 2: cellule staminali e chirurgia rigenerativa.

In un recente congresso di medicina estetica molti medici hanno documentato come il nostro tessuto adiposo (pancia, fianchi, sedere) diventa una preziosa risorsa dalla quale estrarre cellule staminali adulte da utilizzare per rigenerare i tessuti.

La tecnica delle cellule staminali può essere utilizzata con successo in molti dei più frequenti casi per i quali ci si rivolge ad un medico estetico: ringiovanimento del volto, lifting senza bisturi, aumento del seno, trattamento della calvizie dell’alopecia.

Lo scopo infatti è quello di utilizzare i progressi della scienza medica e della ricerca sulle cellule staminali per restituire funzione ed integrità a tessuti danneggiati utilizzando esattamente ciò che il nostro corpo produce già, senza ricorso ad agenti esterni a volte anche pericolosi per la salute.

 

Leggi anche: Lo specialista: “Mai guardare solo al lato estetico”

 

La seconda parola magica è chirurgia rigenerativa, branca della medicina sulla quale  molto passi avanti sono stati compiuti dall’Università di Tor Vergata alla Cattedra di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica. E’ il magico mondo che promette un ritorno alla giovinezza, almeno estetica, sicchè sarà possibile attraverso una semplice liposuzione ed autodonazione dia grasso prelevare il tessuto adiposo necessario anche grazie ad un processo di filtrazione meccanica per consentire alle cellule di rigenerare intere parti del nostro corpo.

Capite bene dunque perché quel grasso che oggi tanto combattiamo e per eliminare il quale saremmo in molti casi disposti a sopportare crudeli sacrifici a tavola o in palestra, potrebbe già oggi essere il nostro migliore alleato contro l’inesorabile avanzare dell’età, ad ogni età.

 

Leggi anche: Chirurgia estetica: tutto quello che c’è da sapere per lei e per lui

direzione staibene.it

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}