• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.928 visite

Diabete , come riconoscere i sintomi a prima vista

Se in famiglia ci sono casi di diabete, per evitare che venga anche a te ci sono sintomi che vanno riconosciuti subito. Ecco come imparare a riconoscerli.

Tre milioni di italiani hanno il diabete. E almeno un altro milione è malato, ma non sa di esserlo. Proprio così: c’è un esercito di persone che soffrono di una delle patologie più infide e pericolose a livello mondiale (285 milioni di malati nei cinque continenti), ma lo ignora. Perché il diabete non ha sintomi. O almeno manda segnali facilmente confondibili con altri malanni di poco conto.

 

 

Leggi anche: La frutta più efficace contro il diabete

 

Il diabete più infido

La forma di diabete più subdola (e anche più comune, rappresentando il 90% dei casi totali) è il diabete di tipo 2: la gran parte di coloro che ne soffrono non lo sanno. Questa patologia – per cui il pancreas è in grado di produrre insulina, ma le cellule dell’organismo non riescono poi a utilizzarla – colpisce prevalentemente gli adulti dopo i 30-40 anni.

Tra i fattori di rischio principali:

a) la familiarità (avere genitori o fratelli con la stessa malattia);
b) la sedentarietà e dunque la scarsa attività fisica;
c) l´ipertensione;
d) avere i trigliceridi molto alti;
e) soffrire della Sindrome dell’ovaio policistico.

 

 

Leggi anche: Dolcificanti, i pro e i contro

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}