• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

2.701 visite

Depressione, cosa fare se i farmaci falliscono

Depressione, cosa fare se i farmaci falliscono : tutto quello che c’è da saper quando il paziente non risponde alle medicine.

La prima arma contro la depressione, di solito, sono i farmaci. Ma ci sono situazioni in cui il paziente sembra non rispondere alla terapia a base di medicine. Che fare, allora, in questi casi? Una risposta arriva da un maxi studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”: affidarsi alla psicoterapia, in particolare la terapia cognitivo-comportamentale.

 

Leggi anche: Perchè il Tai Chi funziona come anti-depressivo

 

Lo studio
Coordinato da Nicola Wiles della University of Bristol (in Inghilterra), si tratta del primo grosso studio randomizzato sull´argomento, ed i risultati sono importanti perché due pazienti su tre non traggono completo giovamento dai farmaci e perché ancora troppe persone che soffrono di questa grave malattia non hanno ad oggi accesso alla psicoterapia che richiede un maggior impegno economico per il paziente.
Gli esperti hanno coinvolto un campione di pazienti depressi e in cura con antidepressivi da almeno 6 settimane, ma senza risultati apprezzabili.  Metà del campione (gruppo di controllo) ha continuato ad assumere i farmaci, all´altra metà oltre ai farmaci è stato proposto un ciclo di terapia cognitivo-comportamentale, un approccio che aiuta il paziente a cambiare modo di pensare, ad adottare nuovi schemi per elaborare le cose che gli accadono.

 

Leggi anche: Depressione, i 6 sintomi meno noti

 

I risultati
Ebbene, nei controlli a 6-12 mesi è emerso che coloro che sono entrati in terapia mostrano una riduzione dei sintomi depressivi del 50% (contro il 22% di quelli trattati solo con medicine); inoltre la terapia comportamentale in alcuni casi permette la remissione completa della malattia.
Si stima che nel 2030 la depressione diverrà la principale causa di disabilità nei paesi ricchi; è importante sapere che la terapia comportamentale rappresenta una reale cura contro questo male; ma sarà altrettanto decisivo garantire l´accesso a questa terapia, che resta costosa perché spesso fatta privatamente e perché va seguita a lungo perché possa dispiegare i suoi effetti.

 

Depressione post partum: Scopri se sei a rischio con il TEST

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}