• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.711 visite

Così fai piacere le verdure a tuo figlio

I bambini apprezzano ortaggi e vegetali. Basta solo conoscere qualche trucco…

Se c´è qualcosa che la stragrande maggioranza dei bambini (per non dire la totalità) non sopporta proprio a tavola, sono le verdure. Per un motivo o per l´altro (troppo amare, troppo “viscide”, troppo… verdi), è quasi impossibile riuscire a fargliele mangiare senza che ogni volta si consumi un piccolo dramma. I genitori ammattiscono nel tentativo di riuscirci, i piccoli si avvicinano a un piatto di verdure come se si stessero avviando al patibolo.
E allora, che fare? Nel tentativo di trovare una soluzione, la scienza ha individuato almeno un paio di possibili strategie. Vediamole.

 

Leggi anche: Verdure fresche o surgelate? Guida alla scelta migliore

 

Basta una salsa
L´ultimo studio in ordine di tempo si deve a Jennifer Orlet Fisher, direttrice del Family Eating Laboratory at Temple´s Center for Obesity Research and Education (Usa). Pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of the American Dietetic Association”, il lavoro ha cercato di capire il perché la maggior parte dei bambini non ama mangiare la verdura. La risposta? Il 70% dei bimbi ha una particolare sensibilità al sapore amaro che rende per loro particolarmente difficile appassionarsi al sapore di certe verdure, come quelle a foglia verde, alcune delle quali risultano particolarmente amare.
Dal lavoro, però, emerge anche che il modo per convincere i più piccoli a consumarli ci sarebbe: basta aggiungere una piccola quantità di condimento, come una salsa o un intingolo, per renderli più appetibili e abituare i bambini a consumarli senza costringimenti.
Lo studio è stato condotto su 152 bambini in età da scuola materna a cui per una settimana sono state fatte consumare delle porzioni di broccoli condite con circa 70 grammi di salsa ranch, una salsa molto utilizzata negli Usa come condimento, soprattutto per la carne: i ricercatori hanno così rilevato che, nei bambini con sensibilità all´amaro, il consumo di broccoli ha subito un incremento dell´80%.

Per far sì che i piccoli mandino giù qualche boccone in più di vegetali, però, non è necessario che i condimenti che li accompagnano siano molto grassi o molto salati. Un intingolo di olio e sale potrebbe funzionare, ma anche, suggerisce la ricercatrice, “una salsa a base di yogurt magro, che favorisce anche l´introito di calcio”.

 

Leggi anche: Verdure ai bambini ? Ora c’è anche un trucco scoperto all’università

Semplice e un po´ croccante
In precedenza, uno studio di Gertrude Zeinstraa. della Division of Human Nutrition presso l´università di Wageningen (Olanda) aveva già dimostrato che per fare amare le verdure ai bambini, non servono fritture e preparazioni elaborate: le verdure vanno bene bollite o stufate, basta che siano croccanti e di colore non brunato, inoltre che abbiano una consistenza non difficile da mangiare, uniforme.
L´indagine olandese è stata condotta su gruppi di bambini divisi per età, 4-6 anni, 7-8, 11-12, e anche giovani adulti di 18-25 anni, cui sono stati proposti differenti tipi di verdure cotte in vario modo (stufate, bollite, passate, saltate, fritte, grigliate). A sorpresa, la preparazione che piace di più non è la frittura, ma sono le verdure stufate o bollite con una superficie uniforme e il gusto semplice della verdura, senza troppi “fronzoli aromatici”, meglio se un po’ croccante. Per i bambini, inoltre, l´occhio vuole la sua parte e quindi la verdura non deve avere colori troppo scuri.

Tuo  figlio mangia abbastanza frutta e verdura?  Scoprilo con IL TEST

Antonio Napolitano
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}