• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.628 visite

Contraccezione: il metodo Billings

Si basa sull’osservazione del muco cervicale presente nelle perdite vaginali

METODO BILLINGS

Cos’è
Il periodo fecondo viene individuato attraverso l’osservazione del muco cervicale, prodotto nel canale che dà accesso all’utero e presente nelle perdite vaginali. Il muco infatti subisce delle modificazioni prima, durante e dopo l’ovulazione.
In cosa consiste
Nei giorni successivi alla mestruazione la donna non rileva, in genere, alcuna perdita vaginale e ha la sensazione che i suoi organi genitali esterni siano “asciutti”. In questi giorni la donna non è feconda.
Con l’avvicinarsi dell’ovulazione la donna può verificare la presenza di una certa quantità di muco e una sensazione di lubrificazione della vulva e della vagina. Nei giorni immediatamente precedenti o successivi il muco cambia aspetto e consistenza, diventa più fluido, trasparente ed elastico. Quando il muco presenta queste caratteristiche la donna è nel periodo fecondo e deve astenersi dai rapporti sessuali. Dopo l’ovulazione il muco torna ad essere più opaco, denso, bianco o giallino, appiccicoso. Dal quarto giorno dopo la ricomparsa di questo tipo di muco, hanno nuovamente inizio i giorni non fecondi.

Vantaggi
Il metodo non richiede l’intervento del medico e non interferisce in nessun modo con le funzioni dell’apparato riproduttivo, né tanto meno richiede l’uso di mezzi chimici e meccanici.
È possibile associare tra loro diversi metodi naturali, migliorando notevolmente il livello di sicurezza, ma aumentando gli inconvenienti. Un inconveniente di questi metodi è quello di limitare i rapporti di coppia a ristretti periodi durante il mese.

Svantaggi
La quantità di muco prodotto varia da donna a donna e talvolta non è facile avvertire e interpretare correttamente le sue modificazioni o la sensazione di “secchezza” o “umidità” degli organi genitali. Alterazioni nelle caratteristiche del muco e delle sensazioni descritte, causate da banali infezioni vaginali, possono indurre in errore. Inoltre, è necessaria una buona collaborazione da parte dell’uomo.

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}