• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.901 visite

Contraccettivi: il metodo Ogino-Knaus

Fa parte dei metodi naturali di contraccezione, poco affidabile perché si basa sul calcolo dei giorni fertili

METODO OGINO-KNAUS

Cos’è
Il metodo Ogino-Knaus fa parte dei metodi naturali di contraccezione che consistono nell’astinenza dai rapporti sessuali durante il periodo fecondo. Ciò che differenzia i diversi metodi sono le modalità  con cui vengono individuati i giorni fecondi.

Come funziona
La donna individua i giorni fecondi osservando la lunghezza dei suoi cicli (il ciclo va dal primo giorno della mestruazione al primo giorno della mestruazione successiva) per un periodo piuttosto lungo (un anno): sottrae quindi 19 dal numero di giorni del suo ciclo più breve per identificare il primo giorno del periodo fecondo) e l0 dal numero di giorni del suo ciclo più lungo (per identificare l’ultimo giorno del periodo fecondo). In questo modo ha individuato i giorni durante i quali probabilmente avviene l’ovulazione; se in questi giorni si astiene dai rapporti sessuali, le probabilità  di una gravidanza saranno molto basse.

Vantaggi
Il metodo non richiede l’intervento del medico e non interferisce in nessun modo con le funzioni dell’apparato riproduttivo perché non richiede l’uso di mezzi chimici o meccanici.

Svantaggi
E’ un metodo poco affidabile, poiché il giorno dell’ovulazione è spesso imprevedibile e può essere anticipato o ritardato da uno stress, un cambio di clima o di stagione, una malattia, una dieta.
Per le donne che hanno cicli irregolari, il calcolo descritto individuerà  un periodo fecondo molto lungo. Questo significa che potranno avere rapporti sessuali sicuri solo in pochi giorni del ciclo.
Questo metodo, inoltre, ha bisogno di una buona collaborazione da parte dell’uomo.

(fonte: Ministero della Salute)

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}