• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.513 visite

Ansia, con la “poesia-terapia” la vita è più leggera

Stress, ansia e preoccupazioni quotidiane meno pesanti scrivendo versi

Il termine “pensiero laterale”, coniato dallo psicologo maltese Edward De Bono, consiste in una modalità di risoluzione dei problemi che prevede un approccio indiretto, ovvero l´osservazione del problema da diverse angolazioni, contrapposta alla tradizionale modalità che prevede concentrazione su una soluzione diretta al problema.

Il concetto di base del pensiero laterale è che per ogni problema sono possibili molte soluzioni. “La poesia è una forma creativa riconducibile a un processo di pensiero laterale che fa emergere, grazie alla libertà insita nella sua forma espressiva, conflitti interni. Una volta esplicitati, questi conflitti possono essere elaborati e risolti grazie a tecniche tipiche di psicoterapia della gestalt quali la ´sedia vuota´, in cui mi sposto da una sedia all´altra identificandomi di volta in volta con una specifica parte di me. La risoluzione di un conflitto si associa di solito a una piacevole sensazione di liberazione, come essersi tolti un peso”, conclude Porta.

 

Leggi anche: Nel volto di una donna c’è lo specchio della sua anima. Ecco come decifrarlo.

Tag:
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}