• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.589 visite

Salute in vacanza: 10 cose da fare adesso per non avere problemi poi

Per garantirci la salute in vacanza quando in estate decideremo di partire, basta fare in primavera queste dieci cose semplici semplici che nessuno vi ha mai detto così.

Salute in vacanza: Ci sono consigli o precauzioni o cose da seguire in primavera per evitare di prendersi qualche malanno d’estate quando stiamo per partire in vacanza?

Nel bel mezzo della primavera, la sensazione che l’estate sia ormai alle porte è sempre più insistente. Ma per arrivare nel modo migliore alla stagione calda, l’organismo ha bisogno di un check up che lo metta nelle condizioni ideali: dalla dieta all’approccio mentale più giusto.

Ecco dunque il decalogo ad hoc realizzato con la consulenza della dietista Annarita Sabbatini, consigliere nazionale della Fondazione Adi (Associazione nazionale di dietetica e nutrizione clinica).

 

 

Leggi anche: Il vero e il falso della salute in estate

 

1. Segui una dieta varia e bilanciata – L’organismo ha bisogno di ricevere tutti i nutrienti necessari al suo sostentamento e allo svolgimento delle funzioni vitali. Ecco perché, ogni giorno, deve assumere un quantitativo adeguato di ogni categoria di alimenti. Se devi dimagrire un po’, riduci pure di un terzo le tue porzioni abituali: ma non rinunciare a nessuna categoria di alimento.

2. Bevi 1,5-2 litri di acqua al giorno – Per garantire una corretta idratazione dell’organismo, è buona abitudine bere spesso durante la giornata, senza attendere la sensazione di sete, in particolare quando fa molto caldo e aumenta la sudorazione. Evitate però le bevande gasate e zuccherate, che aumentano la sensazione di sete; preferite, invece, acqua, centrifugati e succhi di frutta e verdura.

 

Leggi anche: Bere più acqua fa ingrassare di meno

 

3. Scegli cibi ricchi di fibre – Cereali integrali, legumi, frutta e verdura aumentano la quota di fibra alimentare. Le fibre sono molto importanti per aiutare a regolarizzare il transito intestinale, migliorare la consistenza delle feci e mantenere la flora intestinale nel giusto equilibrio.

4. Riduci zuccheri e dolci – Gli zuccheri semplici sono utilizzati dall’organismo come fonte di energia. Ma dovrebbero rappresentare al massimo il 10-15% dell’apporto calorico giornaliero. Perciò è meglio limitare il consumo di bevande dolci, merendine e dessert elaborati. In estate, in caso di voglia di dolce, meglio concedersi un sorbetto o una macedonia con una pallina di gelato alla frutta: una scelta che non solo aiuta la linea, ma è anche più facilmente digeribile.

5. Occhio ai grassi – Il quantitativo giornaliero dei grassi per un adulto deve rappresentare al massimo il 25-30% delle calorie complessive della dieta quotidiana. Preferite grassi mono o polinsaturi come quelli vegetali e in particolare i grassi monoinsaturi dell’ olio di oliva. Da ridurre invece tutti i grassi saturi di origine animale: dunque formaggi, salumi e carni grasse in genere devono essere limitati.

 

 

Leggi anche: Extravergine o no? Come orientarsi tra gli oli d’oliva

 

6. Integra l’alimentazione con i probiotici – I probiotici sono microrganismi vivi e vitali che, se assunti in quantità adeguate, apportano benefici all’organismo. Molti studi evidenziano che il consumo regolare di probiotici aiuta a mantenere in equilibrio la flora intestinale, contribuisce alla salute dell’intestino e sostiene il sistema immunitario.

7. Limita l’alcol – Meglio scegliere bevande a basso tenore alcolico e consumarle comunque con moderazione. Per il vino, non superate 2-3 bicchieri al giorno per gli uomini e 1-2 bicchieri per le donne. Ne guadagna anche la linea: un bicchiere di vino, bianco o rosso, “pesa” circa 100 calorie, che aumentano notevolmente con i cocktail estivi e i superacolici.

 

Sei in forma? Scoprilo con IL TEST

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}