• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

VIDEO – Liti condominiali, come evitare guai alla salute

Tutto quello che devi sapere per affrontare i 4 condomini “difficili” più diffusi: il maleducato, il pignolo, il rissoso e il menefreghista

Se  siete tipi a cui piace litigare nelle riunioni condominali tenete a mente che che ansia, stress, insonnia, e finanche infarto e ictus sono in agguato anche lì in assemblea. Se le liti condominiali sono la principale fonte di malessere civile invertire il senso di marcia si può.
Ecco  qualche consiglio per affrontare 4 condomini tipo:

Il vicino pignolo
E’ quello sempre documentato, preciso, rigido e severo anche sulle sciocchezze. Rende tutto difficile, complicato. In realtà vuole solo mostrare che lui “conta”. Provate a coglierne il lato positivo. Conosce il regolamento condominiale, i migliori operai, diritti ei doveri dei condomini. Rivolgetevi a lui: si sentirà onorato.

Il vicino maleducato
E’ quello della Tv a tutto volume, della tovaglia scossa dalla finestra, dell’auto o lo scooter parcheggiati male. Si crede il padrone del mondo, in realtà è un tipo insicuro o frustrato. Chiedete all’Amministratore di inviare una lettera che ricordi le regole della vita in comune. Se non basta portate la “questione maleducazione” in assemblea e quando vi arriva evitate le accuse dirette.

Il vicino litigioso
E’ quello che alza sempre la voce, polemizza, È arrogante e presuntuoso. E’ un insicuro, ma spesso nasconde un cuore d’oro. Scoprire il suo punto debole, cercate di stabilire un punto di contatto: presentatevi con dei biscotti da offrire a tutti: apprezzerà anche lui; lo spiazzerete.

Il vicino menefreghista E’ quello che non si presenta mai alle assemblee, è disinteressato spesso moroso. Lo è a volte anche l’Amministratore: stacca il telefonino, inserisce il fax non si fa rintracciare.  In questo caso usate e-mail o fax: quando sarà costretto a incontrarvi, gli esibirete le copie. E non potrà proprio più far finta di niente…

Tag:,
Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}