• Questo sito contribuisce alla audience di il Messaggero

1.684 visite

Figli: consigli per evitare che i fratelli si sentano esclusi

Figli: consigli per evitare che i fratelli si sentano esclusi

Il numero dei figli presenti in una famiglia influenza molto lo sviluppo del bambino. I bambini con molti fratelli e sorelle minori devono dividere con questi l’attenzione dei genitori. Occhio però! Fare differenze all’interno della famiglia tra fratelli non significa tradurle in preferenze. O quanto meno non si fa volontariamente. Ecco cosa succede per evitare che i bambini soffrano e si sentano esclusi.

 

Leggi anche: Il figlio prediletto? Esiste eccome

 

Come gestire le differenze con i fratelli


Partiamo dal presupposto che se i genitori amano tutti i loro figli non è detto che lo facciano allo stesso modo. Per esempio se un bambino è più debole, riceverà probabilmente maggiore attenzione da parte dei genitori e questo aumenterà la rivalità tra fratelli e aumenteranno la competizione, i sentimenti di antipatia e i risentimenti.
Cosa devono fare i genitori in questi casi per evitare che gli altri figli si sentano messi da parte? Varrà la pena rassicurarli che quando saranno loro ad avere bisogno dei genitori, gli verrà data la stessa disponibilità.
Per spiegare a dei bambini questo concetto, potete utilizzare l’esempio della torta. Questa ha sempre lo stesso peso (cioè la quantità di affetto e amore è uguale per tutti) ma viene divisa in fette diverse a seconda degli avvenimenti.

 

Leggi anche: Gelosia fra fratelli: 10 consigli per evitarla

 

Cosa succede se la famiglia è numerosa


Se i famiglia ci sono più figli, vi sono minori disponibilità da parte dei genitori destinate a ciascuno. I bambini crescono insieme e ci si aspetta che condividano gli stessi giocattoli e amici, o, addirittura, che si vestano nello stesso modo anche quando sono di sesso diverso. Un errore. Questo soffoca lo sviluppo della personalità e dell’individualità. E’ indispensabile che i bambini abbiano un loro spazio per esprimersi.

 

Leggi anche: Bullismo, ora è anche fra fratelli

 

 

Redazione Staibene

I campi con il simbolo * sono obbligatori. Non pubblicheremo il tuo indirizzo email

E' possibile usare questi tags e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

}